Orto e giardino: semine del mese di febbraio

Carmela Kia Giambrone
2

Indice

     

    Il mese di febbraio è un vero e proprio periodo di cambiamento nel giardino: l’inverno è ancora presente con il suo clima rigido, ma, allo stesso tempo, ci sono i primi segnali dell’imminente arrivo della primavera. I bulbi iniziano a fiorire e le giornate pian piano diventano sempre più lunghe. Quali lavori ci sono da fare in giardino e nell’orto nel mese di febbraio? Scopriamolo insieme!

    Semine di febbraio e lavori da fare nell’orto

    Semine febbraio crescita

    Ryzhkov Oleksandr/shutterstock.com

    Febbraio, come abbiamo detto, è un mese molto variabile dal punto di vista meteorologico: si può passare velocemente da giornate con pieno sole, che fanno l’occhiolino alla primavera, a giornate rigide, uggiose e colme di nebbia, tipiche del periodo invernale. Febbraio è, quindi, il mese perfetto per godersi il bel tempo all’aria aperta. Insomma, è quasi un obbligo: se potete, prendetevi del tempo per passeggiare e osservare la vostra meravigliosa oasi verde, un po’ per visionare i lavori da fare e un po’ per godere della piacevolezza dell’orto di fine inverno. Infatti, le nuove idee, spesso, arrivano proprio grazie a una lenta e rilassata osservazione!

    Calendario delle semine di febbraio

    Come ricordiamo sempre, la tradizione orticola vuole che, seguendo il calendario lunare, si possano ottenere risultati migliori, sia in termini di crescita e di salute delle piante, sia in termini di raccolto e, quindi, di soddisfazione per il nostro lavoro. Anche se la scienza pare non essere troppo d’accordo, ecco che, ad eccezion fatta per le leguminose che possono essere seminate durante qualunque fase lunare, le bulbose è bene piantarle quando la luna è in fase calante (dal 10 febbraio fino al 22, il 23 poi vi è la luna nuova); invece, le specie a foglia o coltivate per i loro frutti, bisogna seminarle durante la luna crescente (dall’1 fino all’8 febbraio, il 9 luna piena e dal 24 al 29 febbraio). Inoltre, anche la zona climatica in cui ciascuno di voi si trova è molto importante: a seconda dell’area geografica, infatti, potrete attendere del tempo in più oppure no, se magari beneficiate di climi meno freddi, come nell’area a sud della nostra penisola. Non sottovalutate il gelo!

    In generale, però, le varietà che potrete seminare in terra, vaso o pieno campo, saranno:

    • scalogno
    • aglio
    • cipolle
    • piselli
    • fave
    • ceci
    • spinaci
    • patate (varietà precoce)
    Calendario semine

    Maria Evseyeva/shutterstock.com

    Al contrario, quelle che avranno ancora necessità di un riparo per questo periodo dell’anno troppo freddo per loro, e che quindi dovranno essere seminate magari all’interno di una piccola serra, come vi avevamo spiegato per le semine mese di novembre, oppure protette grazie a un semenzaio, saranno:

    • lattughe
    • radicchi
    • carote
    • daikon
    • pastinaca
    • barbabietola
    • valeriana
    • prezzemolo
    • sedano
    • fiore elettrico
    • basilico cinese
    • rucola
    • ravanelli
    • zenzero
    • circuma
    • topinambur
    • stevia
    • peperoncini
    • peperoni
    • pomodori
    • melanzane
    • zucchine
    • cetrioli
    • meloni
    • basilico
    • anguria

    Acquisti e lavori di preparazione alla primavera

    Lavori nell'orto

    Serhii Krot/shutterstock.com

    Ci sono alcuni lavori semplici da fare in questo mese che vi permetteranno di guadagnare tempo da dedicare alla primavera. I lavori nell’orto di febbraio, infatti, riguardano principalmente la preparazione alla primavera. Vediamo quali sono.

    1. Se il terreno è molto ghiacciato o zuppo di acqua, rigiratelo leggermente.
    2. Raccogliete il compost dalla compostiera che è maturato durante tutto l’inverno e interratelo abbondantemente nel vostro orto: arricchirà il terreno rendendolo accogliente e perfetto per la primavera.
    3. Ricordate di aggiungere abbondante pacciamatura di paglia o cartone: non lasciate mai scoperto il terreno.
    4. Mentre attendete climi più miti, organizzate, scambiate o acquistate tutti i semi e le piantine di cui avrete bisogno da marzo in poi.
    5. Se non avete approntato un semenzaio, questo è il momento giusto per farlo: in un luogo riparato o in una piccola serra, come vi avevamo raccontato qualche tempo fa, permettete alle nuove piante di crescere al riparo dal gelo, così da essere sufficientemente forti nel momento in cui le trapianterete dal marzo in poi.
    6. Organizzate tutte le tue semine per periodo di semina, e vedrete che questo vi faciliterà non poco il lavoro: prendete una piccola scatola, di cartone o di legno e realizzate dei divisori con del cartoncino (magari riciclato), in modo da ottenerne uno per ciascun mese dell’anno; quindi, posizionate ciascuna bustina di sementi scelta nella sezione del mese in cui vorrete seminarla: organizzate le semine così da avere tutto sotto gli occhi.
    7. È il momento più propizio per effettuare le potature di alcune piante, come il glicine, le clematis o il gelsomino.
    8. Non dimenticate di aggiungere tavolette di cibo per i piccoli uccellini del vostro orto, seguendo le istruzioni che vi avevamo raccontato a proposito delle semine di gennaio.
    9. Febbraio è anche il periodo perfetto per moltiplicare le bulbose, come i fiori di bucaneve o i crochi che avete seminato a novembre: potrete delicatamente spostare la terra, toglierli dal substrato e dividerli in modo da moltiplicarli nel vostro giardino.

    Febbraio: come dire addio alle lumache e rinvigorire le rose con le banane

    Controllate le lumache e le limacce in modo naturale nel vostro orto e giardino. 

    Utilizzare sostanze chimiche in un orto di città, su balcone o familiare, non è sempre una buona idea, ecco perché, per tenerle a bada, in vista della primavera, periodo dell’anno in cui esploderanno in una crescita smisurata, potrete utilizzare un piccolo trucchetto. Per prima cosa, recuperate più gusci d’uovo che potete: se siete vegan, chiedete ad amici e parenti di tenerveli da parte, di lavarli e lasciarli asciugare. Una volta che ne avrete almeno una decina, schiacciateli con le mani in modo da ridurli a piccoli pezzettini, avendo l’accortezza di utilizzare dei guanti in gomma per non farvi male, e riponeteli in un barattolo. Fate molta attenzione che siano asciutti e puliti. Quindi, quando seminerete lattughe e radicchi, ricordate di creare con questi gusci una piccola trincea di protezione attorno alle vostre piante giovani, circondando le radici. Questo piccolo trucco impedirà alle lumache di oltrepassare i gusci e preserverà le vostre giovani insalatine in crescita.

    Un secondo trucchetto utile per dare forza alle vostre rose nella stagione primaverile è munirsi di bucce di banana. Queste, infatti, sono un fertilizzante apprezzatissimo dalle rose in crescita: ciò che dovrete fare è conservarle ed essiccarle (in forno, sul calorifero o per mezzo di un essiccatore). Una volta essiccate perfettamente, ponetele in un mixer potente e riducetele in polvere. A questo punto, usate la polvere ottenuta in modo regolare per fertilizzare le rose del vostro orto e del vostro giardino, soprattutto se sono in vaso: le vedrete fiorire come non mai. Unica accortezza: scegliete sempre banane provenienti da agricoltura biologica, per evitare di fertilizzare con residui di sostanze chimiche, decisamente poco gradite le vostre splendide piante.

     

    Come abbiamo visto, quindi, anche febbraio è un mese ricco di lavori da fare e semine da organizzare: non fatevi sfuggire l’occasione di accogliere la primavera preparati, lavorando in anticipo come la formichina di Esopo.

    Carmela Kia Giambrone

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *