cavatelli-con-fave-verdie-ericotta-salata

Cavatelli con fave verdi e ricotta salata

peppe57
I cavatelli sono un vero contrassegno, un richiamo della cucina regionale siciliana. La forma particolare, un rotolino di pasta cavato con 1, 2 o 3 dita, ne determina il nome. In altre regioni li troviamo con nomi diversi quali «ciufele», «cecatelle», «cavatelle», «cuzzetielle cavate», ma la loro particolarità, che ne esalta soprattutto il sapore, è proprio l’incavatura che li contraddistingue: essa infatti, si riempie di condimento e di formaggio sicché i cavati o cavatelli che dir si voglia diventano una vera ghiottoneria. La ricetta che segue è un piatto tipico della cucina primaverile modicana, ma con piccole varianti, quali ad esempio il pecorino piuttosto che la ricotta salata o l’aggiunta di prezzemolo, o – ancora – la ricotta fresca schiacciata a cui vengono incorporate le fave verdi cotte, è un piatto diffuso in tutta l’isola.
Nessuna valutazione
Preparazione 1 h
Tempo totale 1 h
Portata Primi asciutti
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

Per i cavatelli

Per il condimento

Istruzioni
 

Per i cavatelli

  • Impastare sulla spianatoia la farina con l’acqua leggermente tiepida lavorandola a lungo: ne deve risultare un composto omogeneo ed elastico che lascerete riposare per 30 minuti coperto da un tovagliolo.
  • Spianare poi la pasta con il matterello ricavandone un disco dello spessore di circa 5 mm. Da questo disco ricavare delle strisce di pasta che taglierete a piccoli rettangoli di 2 cm dai quali ricaverete i cavatelli.

Per il sugo

  • Sbollentare le fave per circa 5 minuti, quindi scolarle, farle raffreddare sotto l’acqua corrente e spellarle.
  • In una padella far insaporire l’olio con cipolla tritata finemente, quindi aggiungere le fave ed un mestolo di acqua calda lasciando cuocere per circa 30 minuti.
  • Lessare la pasta al dente in abbondante acqua salata, scolarla e farla saltare nel condimento insieme alle fave.
  • Impiattare e spolverare con abbondante ricotta salata grattugiata.