regioni del sud contro il caporalato

Regioni del sud contro il caporalato, il progetto al Ministero dell’Interno

Angela Caporale

Facendo il punto sulla situazione a distanza di mesi dall’approvazione della nuova legge contro il caporalato, è emersa la necessità di potenziare e sviluppare strumenti e azioni concrete per agire contro lo sfruttamento che ancora è ampiamente diffuso, in particolare nelle regioni del Sud, che ora si sono unite contro il caporalato. Proprio Calabria, Basilicata, Puglia, Campania e Sicilia hanno infatti presentato, pochi giorni fa, un progetto al Ministero dell’Interno, al vaglio anche della Commissione Europea, con questa finalità.

Regioni del Sud contro il caporalato: un’iniziativa condivisa

Cinque Regioni insieme, dunque, per far sì che gli obiettivi previsti dalla legge non restino solamente sulla carta, ma si trasformino in azioni reali che abbiano un impatto sul territorio. Se l’obiettivo generale è l’eliminazione delle forme di sfruttamento e della gestione criminale del lavoro agricolo che coinvolge non soltanto stranieri, come ricorda anche Giuliano Gallini riflettendo sulle morte dei braccianti agricoli Paola Clemente e Abdullah Muhamed, questo progetto mira allo smantellamento dei ghetti, gestiti in maniera diretta o indiretta dai caporali e dove, in situazioni al limite della dignità, sono costretti a vivere oltre 15mila migranti impiegati nei campi.

centro accoglienza

Accoglienza degna e controlli

Le attività proposte dalle Regioni attingono alle esperienze virtuose, sperimentate a macchia di leopardo sui territori. Per esempio, si vogliono introdurre liste di prenotazione per accedere al lavoro regolare, come avviene in Basilicata, e un sistema di trasporto sicuro e legale come quello sperimentato a Palazzo San Gervasio: in questo modo, auspicano i promotori, si andrà ad indebolire l’influenza e il potere che i caporali hanno sui lavoratori che potrebbero trovare, quindi, alternative sicure e garantite.

Inoltre, in attuazione dei protocolli d’intesa sottoscritti localmente con le Prefetture, si vuole promuovere la creazione e costruzione di centri di accoglienza pubblici, dove realizzare anche percorsi di inclusione, formazione ed integrazione rivolti a tutti i lavoratori agricoli e non solamente a quelli migranti. Per farlo, ciascuna Regione attinge alle proprie risorse: la Basilicata, per esempio, ha voluto includere alcune attività finalizzate al recupero di strutture appartenenti al patrimonio pubblico ed oggi inutilizzate.

L’accoglienza è un lato della medaglia a cui si accompagna anche la necessità di individuare le reti di sfruttamento criminali: secondo quanto dichiarato dal prefetto di Reggio Calabria, nel 2017 sono state realizzate 36 operazioni contro caporalato e lavoro nero in 34 comuni della sola provincia. L’azione di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di finanza, Polizia provinciale, Carabinieri Forestali e Ispettorato del lavoro, ha portato alla denuncia di 30 persone e all’emissione di ben 181 sanzioni amministrative, per un totale di 1.716.518 €.

Un’altra indagine coordinata dalla Guardia di Finanza, invece, ha scoperto, nel mese di marzo di quest’anno, una rete di sfruttamento coordinata da un gruppo di caporali e imprenditori che “assume” lavoratori stranieri per raccogliere i mandarini, pagandoli solamente un euro per ogni cassetta consegnata. Un recente report della Federazione del Sociale dell’USB di Catania ha acceso i riflettori su come la longa manus del caporalato non risparmi nemmeno il mare: i pescatori, nel catanese, vengono retribuiti con soli 25/30 euro al giorno, solo se il pescato è sufficiente per quantità e qualità.

caporalato del mare

Un’assemblea per la prevenzione e la denuncia

La lotta delle regioni del sud contro il caporalato, dunque, si muove su più fronti e allarga l’intervento a più attori, come le associazioni attive sul territorio. E proprio la Flai-Cgil ha organizzato per lo scorso 6 aprile, a Torino, la prima assemblea nazionale dei lavoratori migranti. Si è parlato, come suggerisce il titolo della giornata “Di terra in terra”, della necessità quanto mai urgente di rompere gli stereotipi per cui gli stranieri sono in Italia solo per rubare il lavoro, quando invece si tratta di manodopera richiesta e preziosa, in particolare nell’ambito agricolo, ma non soltanto. Impossibile, infatti, non affrontare il tema del caporalato e dello sfruttamento: come riportato da “Torino Oggi”, in assemblea i lavoratori migranti hanno confermato, in particolare, l’esistenza di un calendario della raccolta e, di conseguenza, dello sfruttamento che coinvolge l’intera penisola. Le stesse persone che in inverno, per esempio, lavorano a Rosarno, poi si spostano in Puglia e poi risalgono la penisola fino al Nord, in particolare nell’astigiano e nel cuneese.

caporalato agricoloL’obiettivo dell’assemblea e dei promotori era proprio quello di raccontare le storie di queste persone, e unirsi per la tutela dei loro diritti, tra i quali anche quello ad un lavoro sicuro e legale. Questa torinese non è la sola recente iniziativa di sensibilizzazione e prevenzione del caporalato: il 27 marzo scorso, infatti, il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione Calabria ha presentato un progetto intitolato “I semi della legalità”. Anche in questo caso si parte dal territorio, da un gruppo di sei cooperative virtuose che già realizzano dalle esperienze da valorizzare ed estendere: il fine è promuovere e valorizzare l’agricoltura sociale, intesa, secondo quanto spiegano i promotori, anche come fornitura di servizi extra agricoli come fattorie didattiche e sociali, attività di inclusione sociale e produzioni di qualità.

Elemento di ulteriore interesse è il fatto che le cooperative che hanno già sperimentato questo approccio all’agricoltura sono attive su territori confiscati alla criminalità organizzata che vengono dunque restituiti non solo ad una produzione etica, ma anche alle persone che possono vivere sul territorio, lavorando alla luce del sole.

Se vi interessa scoprire di più su chi si cela dietro al sistema di sfruttamento del caporalato, vi consigliamo di leggere l’intervista a Stefano Liberti, autore del libro “I signori del cibo” edito da minimum/fax. Avete partecipato ad iniziative contro il caporalato anche nei vostri territori? Raccontateci la vostra esperienza nei commenti.

Angela Caporale

Nata a Udine, vive e lavora a Bologna come giornalista freelance. Il suo piatto preferito è la pasta alla carbonara, perché le viene proprio bene in tutte le sue varianti. In cucina, per lei, non può mai mancare una compagnia ciarliera, un dolce da condividere e un buon bicchiere di vino bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi