L’eccesso di caffeina rallenta il cervello degli adolescenti

Redazione

La fonte è l’Ospedale Infantile dell’Università di Zurigo, team di ricerca guidato dal professor Reto Huber. La notizia è che gli adolescenti non dovrebbero assumere più di 180 mg di caffeina al giorno. A dosi superiori, il diffuso alcaloide interferisce sul sonno profondo che precede le fasi Rem durante le quali il cervello smaltisce le connessioni (sinapsi) poco utili. In altre parole succede questo: durante il sonno profondo il cervello seleziona le connessioni e procede a una sorta di sfrondatura, una specie di potatura di tutti i collegamenti superflui rimanendo più veloce e svettante. Proprio come facciamo noi quando decidiamo di pulire il computer dai files inutili e pesanti che lo rallentano. Se il sonno profondo è alterato, la “pulizia” ne risente e di conseguenza ne risente lo sviluppo celebrale.

A questo punto ricordo che la caffeina non si trova solo nella tazzina dell’espresso (80 mg) ma anche nella Coca Cola (35 mg in una lattina di 330 ml), nel thè (circa 60 mg/tazza) e negli energy drink come Red Bull e Burn (80 mg per lattina di 250 ml). Adolescenti, attenti a non rallentarvi il cervello!

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi