La salute dei bambini è un bene di tutti. Proteggiamola!

Redazione

L’EFSA mette in guardia contro le patatine fritte

Severo monito dell’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) sui danni alla salute provocati dalla frittura degli alimenti. Durante questo tipo di cottura, la reazione tra aminoacidi e zuccheri si sviluppa acrilamide, un potenziale agente cancerogeno dannoso per tutti ma particolarmente per i bambini.
Possibili anche, sempre secondo l’EFSA, effetti nocivi sul sistema nervoso e sull’apparato riproduttivo maschile.La preparazione dei fritti andrebbe ridotta al minimo e in ogni caso andrebbero osservate scrupolosamente queste 5 regole:

1. Scegliere un olio con un punto di fumo alto. Per esempio, l’olio extravergine di oliva.

2. Sostituire l’olio dopo ogni frittura e non rabboccarlo mai.

3 Non usare il burro per friggere.

4. Non lasciare che la temperatura del grasso di frottura superi i 170°.

5. Associare sempre verdure fresche ai fritti. Sia perché sono antiossidanti, sia perché le fibre.  diminuiscono l’assorbimento di acrilamide.

La salute dei bambini è un bene affidato ai soli adulti. Ed è un bene di tutta la comunità, che dovrebbe vigilare sull’enorme quantità di fritti che le i fast food scaricano nelle loro pance con la complicità di troppo spesso inconsapevoli genitori.

Articolo di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi