corretta masticazione

Masticare correttamente fa bene alla Salute

Francesca Bono

Come abbiamo visto nell’articolo su cosa mangiare per avere denti bianchi, la masticazione gioca un ruolo importante nella salute dei denti. Ma non è tutto! È importante anche per la digestione e l’assimilazione dei nutrienti. Masticare correttamente, insomma, è una di quelle buone abitudini che fanno davvero la differenza per il nostro organismo.

Vediamo ora nello specifico quali sono i benefici e le regole di una corretta masticazione.

masticare bene

Corretta Masticazione: regole e benefici di una buona abitudine

Come masticare

Il cibo deve essere masticato lentamente, con l’obiettivo di ridurre in una poltiglia semiliquida ciò che si è mangiato, per facilitare la digestione.  Altrettanto importante, secondo esperti come il naturopata Luca Avoledo e il Dott. Arrigo Dianin, è concentrarsi sull’atto del mangiare, senza distrazioni quali TV o tablet, proprio per dare importanza all’atto stesso del mangiare, assaporare meglio i cibi e favorire una più lenta masticazione.

Alcuni nutrizionisti arrivano a specificare quante volte masticare ogni boccone, io preferisco riportarvi l’opinione di chi ritiene che sia un po’ eccessivo stabilire un numero e che sia di volta in volta dipendente dal tipo di alimento che si sta mangiando.

I benefici di una masticazione corretta

Perché è importante masticare bene e lentamente? Gli esperti sostengono che farlo aiuti la digestione perché consente di inviare al corpo segnali che gli permettono di prepararsi e assimilare correttamente le sostanze contenute negli alimenti che si ingeriscono.

masticazione

Ma ecco quali sono nello specifico i benefici di una corretta masticazione:

  • Masticare correttamente e a lungo, specialmente cibi crudi, massaggia le gengive e ci aiuta ad ottenere una migliore pulizia del cavo orale, favorendo la rimozione dei residui dai denti;
  • Come abbiamo già accennato, aiuta l’apparato gastro-intestinale nel processo di digestione, che inizia proprio dalla bocca. La masticazione prolungata e lenta consente di trasformare già in bocca il cibo ingerito e garantire una pre-digestione minima, che supporta il lavoro di stomaco e intestino. Il cibo mal masticato, soprattutto amidi e fibre, infatti, è meno digeribile.
  • La pre-digestione, che come dicevamo, avviene grazie ad una buona masticazione, favorisce l’assimilazione delle sostanze utili al nostro organismo.
  • Se il cibo arriva allo stomaco già sufficientemente scomposto, diminuiscono i tempi di permanenza nello stomaco e quindi si riduce la produzione di acidità gastrica.
  • La saliva ha un ruolo fondamentale sia per l’igiene orale che per la digestione, in quanto contiene enzimi che contrastano la formazione di batteri e consentono la scomposizione di amidi e grassi. Sembra paradossale, ma anche i cibi liquidi andrebbero tenuti in bocca per qualche secondo, in modo da permettere questa azione benefica. Il cibo mescolato alla saliva poi scivola meglio lungo l’esofago, evitando disturbi legati a disfagie.masticazione corretta
  • Inoltre masticare più a lungo aiuta a mangiare meno, perché rilascia ormoni che regolano l’appetito a livello cerebrale, come confermato da uno studio condotto da ricercatori cinesi e pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition e regala una sensazione di sazietà. .  Una buona masticazione, inoltre, aiuta a sentirsi meno appesantiti, e più energici.
  • La velocità con cui si mastica incide anche sulla percezione del sapore, facendolo lentamente, si possono apprezzare anche preparazioni meno ricche di sale e insaporitori che sono quasi sempre poco salutari.
  • Infine, masticare meglio riduce anche la necessità di bere durante il pasto, così da non diluire troppo i succhi gastrici che rallentano o la digestione.

Potreste leggere, per restare in argomento, l’interessante intervista al Professor Enzo Spisni su quanto mangiare veloce faccia male, inoltre, vi ricordo la rubrica interamente dedicata al mangiare sano, ricca di consigli e approfondimenti.

Francesca Bono

Nata a Bologna dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo segue le rubriche Tra frigo e dispensaMercato e Trend. Il suo piatto preferito sono gli gnocchi di patate con sugo di pomodoro e funghi perché adoro gli gnocchi che mi ricordano tanto mia nonna. In cucina non può mancare: l'ordine perché se non è tutto a posto non posso cominciare a risporcare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *