La Fossa Dell’abbondanza

ciuffetta

Ho visitato questo piccolo borgo sull’appennino romagnolo a circa 350m s.l.m. dal quae si gode un panorama fantastico. Nei ristoranti locali hi potuto assaggiare,oltre alla piadina e agli ottimi salumi, una tagliata fatta con la fiorentina e servita in tavola sulla pietra ollare mantenuta calda dai fornellini. La cosa che mi ha colpito in modo particolare sono stati i formaggi pecorini locali affinati in una fossa scavata nella pietra che viene divestita col fieno, riempita fino all’orlo di formaggi e poi chiusa ermeticamente nel mese di luglio di ogni anno per poi essere riaperta il 25 novembre. Questa fossa si chiama appunto fossa dell’abbondanza.

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *