L’ Europa ci vieta di aggiungere arance all’ aranciata

Redazione

Una volta una bibita a base di arancia conteneva solo il 12 % del succo di arancia. A un certo punto la legge italiana è cambiata e con il cosiddetto “decreto Salute Balduzzi” si è portata quest’irrisoria quantità al 20% con grande soddisfazione dei salutisti e dei produttori calabresi e siciliani che contavano di vendere 200.000 tonnellate di arance in più con comprensibili vantaggi per l’occupazione in aree economicamente disastrate.

Ora l’Unione Europea boccia questo decreto legge perché una bibita italiana con il 20% di succo di arancia farebbe concorrenza sleale verso gli altri paesi fermi al 12%. Niente da fare! Si torna al 12%. Rimane il sospetto che se anziché di arance si fosse trattato di succhi a base di patate tedesche le cose sarebbero andate diversamente.

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi