funghi

Funghi

Redazione

Come tutti i cibi con una personalità nobile e sinfonica, ricca di armonie, sfumature e contrappunti, i funghi devono essere rispettati e mai oppressi da condimenti soffocanti né castrati da sapori-pialla. Non permettete che i vostri funghi facciano la fine di quelle belle donne che appena uscite dalla doccia assomigliano a Linda Evangelista e dopo il trucco ti sembrano una caricatura della Parietti: ecco alcune cose da non fare mai avendo tra le mani non solo i porcini, ma qualsiasi altro fungo.

  1. Non lavateli. Vanno spazzolati e strofinati con uno straccio umido. Ricordatevi che i funghi crescono nei boschi, cioè in un ambiente non trattato con pesticidi.
  2. Non cuoceteli troppo. Il fungo troppo cotto cambia sapore e diventa amarognolo oltre che striminzito e stopposo. In pratica, se supera i 20 minuti di cottura al forno o al tegame e i 10 alla griglia si trasforma da delizia in schifezza.
  3. Non conditeli troppo. Ho visto funghi martirizzati da fegatini, marsala e madera, uova, latte, noce moscata, sedano e naturalmente panna: è come mettere chiodi di garofano e zucchero in una bottiglia di Brunello da Montalcino e farci il vin brûlé.
  4. Niente aromi che non siano il prezzemolo (poco) e l’aglio (pochissimo).
  5. Non assassinateli con cotture inadeguate. C’è chi sostiene che “il trionfo dell’ovolo è la frittura” e così impatacca con uova e farina e poi frigge nello strutto un fungo che andrebbe mangiato solo crudo, con un filo d’olio d’oliva leggero, per afferrarne tutto il fantastico e delicato sapore. Se trovate quella frase su un vostro libro, buttate via il libro.
  6. Non conservateli in frigo e tanto meno in congelatore. Vanno cucinati subito. In frigo si rattrappiscono e scongelati si afflosciano del tutto. Quanto al sapore, i funghi sanno di muffa se refrigerati, di nulla se congelati.

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi