Fai piatti innovativi o piatti scarabocchiati?

Redazione

Chi è convinto di fare cucina creativa dovrebbe chiedersi se per caso non faccia cucina raffazzonata. Che è davvero tutta un’altra cosa. Per molti basta avere in casa un po’ di granella di pistacchio, una confezione di Filadelfia, un mazzetto di rucola, 4 pomodori pachino, la glassa al balsamico, una busta di salmone e un pacco di riso Venere per sentirsi autorizzati a portare a tavola un piatto di cucina sicuramente estemporanea ma senza alcun diritto di chiamarsi creativa. A questo proposito, si può azzardare unparagone con la pittura. Si sa che un profano che vede un quadro cubista di Picasso spesso commenta: quella cosa lì la sa fare anche un bambino. Per arrivare a saper dipingere come un bambino Picasso ci ha messo una vita e ha dovuto dipingere alla perfezione opere figiurative. Lo stesso è per la cucina creativa. Per fare quella vera, bisogna conoscere e sapere praticare alla perfezione la cucina tradizionale.  Viceversa è cucina raffazzonata. Uno scarabocchio gastronomico.

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi