economia delle mance

Ancora sui rider, sullo sfruttamento e sulle mance

Giuliano Gallini
2

Giuliano Gallini

Indice

     

     

    Abbiamo già parlato dei rider, che ogni tanto tornano sulle prime pagine dei giornali perché le forme di sfruttamento che subiscono sono sempre più insopportabili. Tuttavia, li vediamo ancora girare con quei tipici scatoloni a zainetto sulle spalle, a cavallo di biciclette le più vecchie, attraversare strade polverose e rumorose, salire su marciapiedi, scale, sfidare pioggia vento neve e sole per portare il prelibato pasto ai clienti e procurare profitto a una azienda innovativa (ma che diavolo di innovazione sarà mai il servizio di consegna a domicilio? A parte il maggior controllo delle performance dei lavoratori…).

    Qualcuno, nel dibattito che, appunto, periodicamente torna sulle pagine dei giornali, nelle trasmissioni radio o sui social, ha detto che la colpa non è di questa aziende (non sia mai che le aziende innovative abbiano qualche colpa, o responsabilità!) ma della gente, dei clienti, proprio loro! Se infatti si degnassero di dare le mance ai rider che ossequiosi gli portano il pasto davanti alla porta, bè allora quei pochi euro all’ora o alla consegna che guadagnano aumenterebbero di un bel po’. Quindi, cari clienti di Foodora, Deliveroo e simili fantasiosi innovatori, visionari benefattori dell’umanità, datevi da fare con le mance e non fate lacrime di coccodrillo.

    C’è qualcosa di incredibilmente superficiale e distorsivo in questo ragionamento. L’economia delle mance si sta affermando? Si comincia a pensare che i diritti si possano scambiare con le mance?

    Economia delle mance: se diventa un sistema è la fine dei diritti

    Su un numero di pagina99 leggo un articolo di Samuele Cafasso “Il welfare delle mance”. Non affronta solo il tema delle mance ai rider, ma di un “sistema” della mance che sta sostituendo il welfare pubblico, ovvero lo stato sociale. “Lo Stato Sociale” è arrivato secondo al Festival di Sanremo, tuttavia non gode di buona salute. Nonostante la canzone abbia il seguente testo: “E fai il cameriere, l’assicuratore, Il campione del mondo, la baby pensione. Fai il ricco di famiglia, l’eroe nazionale. Il poliziotto di quartiere, il rottamatore. Perché lo fai? E fai il candidato poi l’esodato. Qualche volta fai il ladro o fai il derubato. E fai opposizione e fai il duro e puro. E fai il figlio d’arte, la blogger di moda. Perché lo fai? Perché non te ne vai? Una vita in vacanza. Una vecchia che balla. Niente nuovo che avanza. Ma tutta la banda che suona e che canta. Per un mondo diverso. Libertà e tempo perso. E nessuno che rompe i coglioni. Nessuno che dice se sbagli sei fuori…”

    Abbiamo bonus di ogni tipo, transitori, precari, incerti: ma pochissimi servizi. L’Italia è tra gli ultimi paesi europei per spesa in istruzione e altri servizi reali. Salari bassi? E allora vai con “l’economia dell mance”. Negli ultimi anni il governo ha speso più di 50 miliardi in vari bonus, che però non hanno risolto i problemi delle fasce di popolazione più disagiate. I più smaliziati vi hanno sempre visto una operazione di clientela elettorale: bonus a determinate categorie in cambio di voti. Ma poi i voti non sono venuti.

    E così ancora ieri a Milano ho visto i rider sulle loro biciclettine carichi di pasti. Trenta anni fa feci un viaggio in Nepal e vidi tanti giovani e meno giovani arrancare su risciò trasportando merci o turisti. Pensai che stavo facendo un viaggio nel passato, e in una società senza diritti dove gli appartenenti alle caste più basse erano costretti a lavori umilianti e faticosi. I rider che ho visto ieri a Milano avevano una torsione del busto e una smorfia che li rendevano stranamente simili a quegli schiavi nepalesi.

    Giuliano Gallini

    Direttore marketing strategico di CIRFOOD, vive a Padova e lavora tra Reggio Emilia e molte altre città italiane dove CIR ha le sue cucine. Ama leggere e crede profondamente nel valore della cultura. In cucina non può mancare un buon bicchiere di vino per tirarsi su quando sì sbaglia (cosa che, afferma, a lui succede spesso).

    2 responses to “Ancora sui rider, sullo sfruttamento e sulle mance”

    1. Dario says:

      Quando verrà tolta la banda nera con tutta la storia della privacy, forse potrò leggere l’articolo.Non posso neanche accettare e chiudere.

      • Redazione says:

        Ciao Dario,
        il banner della privacy è obbligatorio per legge. Dovresti, comunque, riuscire a chiuderlo senza problemi, cliccando sulla “X”; abbiamo fatto delle verifiche tecniche e a noi risulta tutto ok. Se così non fosse, riusciresti a mandarci una schermata dell’immagine che ti compare e del problema rilevato, in modo da provare a risolverlo al più presto? Grazie!

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi