Da adriano

Redazione

Se andrete a mangiare da Adriano, come mi auguro, avrete l’occasione di fare un’esperienza gastronomica memorabile e di conoscere uno dei più abili manipolatori di coscienze che abbia mai conosciuto, però simpatico.
Adriano tende a fare mangiare gli altri come se il palato e lo stomaco in gioco fossero i suoi. Ci si sente quasi ipnotizzati mentre guida nelle scelte e non si può fare a meno di cedere alle sue proposte.
Dapprima è irritante scoprire che si è incapaci di rimanere fedeli al proprio progetto di pranzo. Poi ci si rassegna, e alla fine si è felici, perché Adriano ha davvero una specie di terzo occhio gastronomico capace di leggere i gusti più segreti di chi si siede a un suo tavolo.
Da lui troverete una cucina montanara, siamo a 860 metri di altitudine, preparata con grande raffinatezza. È aiutato nell’impresa da funghi e tartufi disponibili in gran parte dell’anno e dai migliori formaggi e ricotte del Molise. Sappiate che tra prelibatezze ai porcini e al tartufo vi proporrà anche gli spaghetti “sugna e pepe”. Il nome del piatto è terrificante, ma io spero che riesca a ipnotizzare anche voi e a farveli mangiare. Sono una bontà!

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi