cosa mangiare durante il ciclo

Dolori mestruali: quali alimenti possono contrastarli?

Elena Rizzo Nervo

Come abbiamo sottolineato parlando di dieta in menopausa, la vita della donna è fortemente collegata ai cambiamenti e alle fasi che attraversa il suo corpo. Le mestruazioni sono certamente un aspetto distintivo di questo legame e, se per alcune non creano problemi, per altre sono accompagnate da dolori fisici e malumore. Si tratta, generalmente, di mal di pancia, gonfiore addominale, mal di testa e di schiena, che affliggono, in maniera più o meno grave, oltre la metà della popolazione femminile, non solo in Italia. L’alimentazione in questi casi può venire in aiuto alleviando i sintomi più fastidiosi e stabilizzando anche l’umore, basta fare le scelte giuste. Vediamo, allora, cosa mangiare durante il ciclo e quali alimenti, invece, sarebbe meglio evitare.

Dolori mestruali: quando i giorni del ciclo sono una sofferenza

La dismenorrea è la condizione della sindrome mestruale, ovvero il ciclo doloroso che può essere caratterizzato dai sintomi classici, oppure accompagnarsi a patologie ginecologiche, come endometriosi o varicocele pelvico.

In ogni caso, ciò che determina i dolori mestruali sono le prostaglandine, sostanze derivate da acidi grassi essenziali che agiscono similmente ad ormoni e che durante le mestruazioni sono prodotte in grande quantità dalle cellule dell’organismo. Come fare, allora, per diminuire il loro effetto e quali sono i rimedi contro i dolori mestruali?

Cosa mangiare durante il ciclo: alcuni consigli utili

cosa mangiare con il ciclo

Non esiste solo una dieta anti-acne, utile soprattutto per i ragazze e le ragazze adolescenti: le giovani donne possono tenere a mente anche alcuni consigli alimentari per gestire meglio il ciclo doloroso.

Vediamo, allora, cosa mangiare durante il ciclo:

Legumi e cereali integrali

I legumi e i cereali integrali sono un’ottima fonte di fibre e vitamina B e possono aiutare a ridurre i crampi intestinali e il mal di pancia da ciclo. Inoltre, favoriscono il regolare transito intestinale e sono, quindi, consigliati sia in caso di stipsi, sia in caso di diarrea.

Acidi grassi Omega 3

Gli Omega 3 apportano importanti benefici poiché svolgono una funzione antinfiammatoria e possono contrastare i sintomi dolorosi causati dalle prostaglandine. Questi “grassi buoni” si trovano soprattutto nel pesce, come lo sgombro e la trota, nei semi oleosi e nella frutta secca, come mandorle e noci.

Verdure ricche di minerali

Magnesio, calcio, manganese e potassio, sono i minerali più utili nel combattere i sintomi del ciclo doloroso. Il magnesio, inoltre, agisce anche come antidepressivo, migliorando l’umore. Ne sono ricche le verdure, in particolare quelle a foglia verde come spinaci, cicorie e biete, ma anche cavolfiore e carciofi. Il potassio, che riduce il gonfiore, si trova, ad esempio, nella banana e nel mirtillo, mentre il manganese è presente nell’ananas, frutto che contrasta la tensione muscolare.

banana proprietà

Acqua

Volete sapere cosa mangiare e bere durante il ciclo? Acqua, evitando, invece, bevande zuccherate o eccitanti e alcolici. Se non beviamo abbastanza acqua, infatti, il nostro corpo tende a trattenerne in eccesso e questo può provocare crampi e dolori.

Le bibite non sono gli unici prodotti a cui prestare attenzione.

Ciclo e alimentazione: cosa evitare

Durante le mestruazioni bisogna fare ancora più attenzione allo zucchero, che non deve essere consumato in quantità eccessive perché alza i livelli di glucosio, rendendoci meno attive e più appesantite e di cattivo umore. Oltre ai dolci, quindi, e alle bevande zuccherate, sarebbero da evitare anche i cibi trasformati, i fritti e tutto ciò che è contiene grassi, i quali attivano le prostaglandine.

Infine caffè, tè e bevande eccitanti, compreso il cioccolato, non andrebbero consumati. La caffeina, in particolare durante il ciclo mestruale può causare mal di testa e rendere nervosi.

Uno dei disturbi più fastidiosi durante il ciclo è rappresentato dal gonfiore addominale, per cui potrebbe esservi utile leggere il nostro articolo, in cui vi segnaliamo gli alimenti che creano fermentazione intestinale e che, quindi, andrebbero evitati.

Elena Rizzo Nervo

Elena è nata a Bologna, dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo si occupa di attualità, nutrizione e tendenze alimentari. Il suo piatto preferito é il Gateau di Patate, "perché unisce gusto e semplicità e conquista tutti". Per lei in cucina non può mancare una bottiglia di vino, "perché se c'è il vino c'è anche la buona compagnia".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi