cosa mangiare a taormina

Involtini di pesce spada, ‘Nzuddi, Cuzzole: cosa mangiare a Taormina

Laura Girolami
2

Indice

     

    Incastonata sul punto più alto, proprio come un diamante. Taormina nasce, cresce e prospera nei millenni proprio in cima al monte Tauro. Da un lato offre vedute mozzafiato sui mille colori del mare della Sicilia, dall’altro sulla maestosità (un po’ terrificante) dell’Etna. Di pari importanza, accanto alle sue bellezze storiche e artistiche, c’è la sua leggendaria gastronomia, che fa sognare i turisti di tutto il mondo.

    Se abbiamo scelto di paragonarla a un diamante non è un caso. Taormina è senza dubbio uno dei gioielli della Regione: piccola, preziosa e indimenticabile. Imprescindibile tappa dei celebri “Grand Tour” dei rampolli delle famiglie benestanti di tutta Europa durante il ‘700 e l‘800 e meta fissa per i milioni di turisti anche ai giorni d’oggi, Taormina è bella in ogni angolo, così curata e splendente da sembrare il set cinematografico di qualche pubblicità di Dolce & Gabbana (a cui gli stilisti hanno dedicato un’intera collezione). Ma, se proprio dovessimo scegliere il punto più bello, non potremmo che indicarvi il Teatro Greco, il più grande teatro classico d’Italia dopo quello di Siracusa, che colpisce anche per l’acustica, ancora perfetta e di altissimo livello, come testimoniano i concerti e gli spettacoli di rilievo internazionale che spesso ospita.

    Dopo aver accennato alle bellezze paesaggistiche e alla storia del luogo, vediamo ora cosa mangiare a Taormina.

    La tradizione gastronomica siciliana

    cucina siciliana

    Tutto in Sicilia è legato a doppio filo con la sua storia millenaria, dall’arte alla cucina. Greci, arabi, normanni, francesi e spagnoli hanno lasciato tutti un segno nella gastronomia dell’isola, ma questo non ha impedito ai siciliani di creare una propria tradizione ormai diventata leggenda.

    Nonostante il carattere alimentare di tale cucina risulti unificato, per ciascun territorio, se pur di ridotto perimetro, troviamo delle specialità culinarie circoscritte a quella determinata area, per cui la stessa ricetta diventa quasi introvabile spostandosi in un’altra zona. Queste peculiarità danno vita, a volte, a diatribe come quelle tra palermitani e catanesi sull’annosa domanda: “si dice arancino o arancina?”

    Cosa mangiare a Taormina: 5 piatti da assaggiare

    Taormina, anche se meta turistica di massa, non ha affatto abbassato il suo livello gastronomico in favore di ristoranti con offerte più “pop” e di basso livello. Complici le materie prime di altissima qualità e una tradizione millenaria i piatti da assaggiare assolutamente nel vostro viaggio a Taormina sono diversi.

    La caponata

    Se andate a cena in un ristorante, questo sicuramente potrebbe essere un ottimo antipasto. La caponata deve il suo nome al fatto che fra i suoi ingredienti, oltre alle olive e la cipolla, nella cucina dei più benestanti, c’era il pesce capone. La cucina povera invece, per ovvie ragioni, sostituisce il pesce con le melanzane e aggiunge qualche altra verdura.

    Pasta alla Norma

    pasta alla norma

    È proprio il caso di dirlo: se andate in Sicilia mangiare questo piatto è proprio… la norma! Particolarmente adatto a Taormina, la città che offre la vista sulla bellezza naturale che ha  ispirato questo piatto, l’Etna. Nella pasta alla Norma ogni ingrediente simboleggia un elemento del vulcano: il basilico rappresenta il verde che contorna la montagna, il pomodoro il rosso della lava, le melanzane fritte, solitamente utilizzate a fette intere e poste a piramide sulla pasta, simboleggiano proprio l’Etna e la ricotta salata è la neve che si posa sulla sua sommità in inverno.

    Involtini di pesce spada alla siciliana

    In Sicilia la caccia (non la pesca!) al pesce spada è una delle attività ittiche più popolari e fruttuose. I porti di molte città sono infatti pieni di feluche, le imbarcazioni tipiche con le quali si caccia questo pesce, caratterizzate da una lunghissima passerella sulla prua che permette al pescatore di arpionare rigorosamente a mano la sua sfuggente preda marina. La carne del pesce spada è molto apprezzata e cucinata in diversi modi. Tra questi, una preparazione che  risente particolarmente delle influenze arabe a livello gastronomico, è quella degli involtini  con pinoli, uvetta, limone e un pizzico di menta.

    ‘Nzuddi

    nzuddi taormina

    La pasticceria siciliana è un’arte, non solo una parte importante della gastronomia della regione . La manualità della preparazione si fonde con la dolcezza degli ingredienti selezionati e spesso prodotti proprio sul territorio. Questo è il caso degli nzuddi, biscotti croccanti a base di mandorle arricchiti da scaglie di arancia, preparati originariamente dalle Suore Vincenzine, da cui hanno preso il nome. Ottimi anche da portare a casa dopo il viaggio in Sicilia!

    Cuzzole

    Da poter gustare sia dolci che salate, le cuzzole sono semplicemente pezzi di pasta di pane fritti e cosparsi di zucchero. Ingredienti che sicuramente in casa non mancavano mai e quando si faceva il pane per la famiglia, che sarebbe durato tutta una settimana, si coglieva l’occasione per preparare questi squisiti dolcetti.

    Un occhio alle stelle e uno al cuore: due ristoranti imperdibili a Taormina

    dove mangiare a taormina

    Piccola ma piena di eccellenze gastronomiche, Taormina offre grandi occasioni anche nel settore della ristorazione. Qui vi consigliamo due opzioni diverse, ma dalla carta eccellente. A voi la scelta!

    La Capinera

    A Taormina mare, comodamente al riparo dal turismo più vivace del piccolo centro, a sbalzo sullo splendore del mare Ionio, si trova il ristorante stellato Michelin  La Capinera. Consacrato dalla critica internazionale come uno dei migliori ristoranti italiani, offre dal pescato del giorno agli ortaggi, dai presidi Slow Food al caviale di lumaca, attraverso le diverse intensità di oli siciliani d’eccellenza.

    Osteria Rosso Divino

    Quattro amici d’infanzia si ritrovano insieme a Taormina per celebrare i sapori della loro terra. L’Osteria Rosso Divino propone ogni giorno un menù diverso, a seconda dei prodotti più freschi disponibili al mercato. Carne, pesce, verdure sono lavorate per rispettare la tradizione e sperimentare le ultime novità gastronomiche. Il tutto a suon di musica. Il locale, infatti, ospita spesso concerti jazz, perfetti per accompagnare una cena romantica o una degustazione con gli amici.

    Anche voi siete stati stregati dalla magia di Taormina? Avete assaggiato qualche piatto imperdibile che non abbiamo segnalato? Scriveteci le vostre recensioni e prenderemo nota!

    Laura Girolami

    Laura è nata a Macerata, e passa le sue giornate (e alcune notti) a scrivere. Il suo piatto preferito è la pasta perché è tradizione, ricordi e la base perfetta per tutti i sapori del mondo. Secondo lei in cucina non può mancare il tempo e la creatività per dedicarsi ai fornelli.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *