come abbinare il timo

Salse, piatti di pesce, carne e verdure: come abbinare il timo in cucina

Luca Sessa
2

Indice

     

    Sette anni fa ho seguito un corso professionale da chef, perché era mia intenzione approfondire la conoscenza di materie prime, tecniche di cottura e lavorazione dei prodotti e in generale acquisire una buona manualità con tutto ciò che concerne il lavoro in una cucina professionale. Terminate le lezioni, superato l’esame e conseguito il diploma, per quasi un anno ho fatto una sorta di stage presso il ristorante di un amico, per perfezionare quanto appreso in aula. Una delle prime cose notai, fu l’incredibile aroma del timo fresco e la grande differenza con la versione secca comunemente in vendita presso la grande distribuzione. Un “incontro” importante che rafforzò ulteriormente in me la convinzione che per poter scrivere di cucina, bisogna necessariamente vivere in prima persona questo ambiente. Oggi vi racconterò le caratteristiche di questo ingrediente e come abbinare il timo per poter valorizzare il suo aroma.

    Le caratteristiche del timo

    timo in cucina

    Il timo è una pianta perenne che cresce sia spontaneamente che coltivata, e con un forte aroma sprigionato dalle piccole foglioline. Le specie più conosciute e utilizzate nelle varie ricette sono il timo vulgaris e il timo limonato (o cedrato), particolarmente indicato per la preparazione di salse e piatti a base di pesce. Nella versione fresca, accompagnato da un buon olio extravergine di oliva, diviene un ottimo condimento che può essere utilizzato per molti piatti, da quelli con i formaggi a pasta morbida alle verdure cotte a vapore.

    Come abbinare il timo in cucina

    Ingrediente dall’aroma molto forte, penetrante e pungente, ricorda vagamente il rosmarino ma cambia completamente a seconda della tipologia e della forma utilizzata (vulgaris, limonato, fresco, secco). Il timo può essere abbinato a tanti differenti prodotti, dalla carne al pesce passando per verdure e legumi, riuscendo a valorizzare le materie prime a nostra disposizione.

    Con il pesce

    timo e pesce

    L’utilizzo più comune del timo con il pesce ne prevede l’impiego soprattutto per le cotture in forno con pesci interi, per consentire all’aroma di diffondersi al meglio grazie a questa tipologia di cottura; oppure in padella, quando abbiamo a che fare con dei filetti da cuocere a temperature alte; infine, è ottimo anche per i guazzetti o la famosa “acqua pazza”.

    Con la carne

    timo e carne

    Con la carne si può utilizzare il timo secco, anche con cotture in padella, per dare un tocco in più di sapore, ma è la sua versione fresca che rende davvero unici i piatti a base di carne, in particolare spezzatini, stufati e tutte le ricette che prevedono una cottura in forno, che per caratteristiche tecniche e tempi permette al timo di sprigionare tutto il suo aroma.

    Con le verdure e i legumi

    timo e verdure

    Il timo è l’ingrediente ideale per aromatizzare le insalate, ma sposa bene anche i legumi (contribuisce a rendere più digeribili i fagioli) e i cereali lessati, gli ortaggi estivi quali ad esempio i pomodori, le zucchine, le melanzane e i peperoni; e ancora minestre, zuppe e passati di verdura, frittate ed infine marinate e salse. Estremamente interessante anche l’utilizzo nei burger e nelle polpette vegetali, lo si trova anche in molte ricette per quel che concerne la fase di cottura di alimenti quali carote, cipolle, funghi, patate e zucca. È adatto infine anche ad aromatizzare delle macedonie di frutta fresca.

    Le preparazioni

    Sono tante le preparazioni semplici e veloci che prevedono l’impiego del timo, e che contribuiscono ad arricchire i piatti da portare sulla nostra tavola. Ad esempio, mescolando 15 grammi di timo fresco tritato al coltello con 100 grammi di burro ammorbidito otteniamo un burro aromatizzato da poter avvolgere nella carta forno e conservare in frigo per donargli nuovamente la classica forma, o da poter strofinare su carni quali quella di maiale o di pollo prima di cuocerle al barbecue o al forno.

    Sempre con lo stesso burro aromatizzato, arricchito anche con un pizzico di rosmarino tritato, è possibile spennellare l’impasto del pane prima della successiva cottura in forno. Un’altra facile e golosa idea consiste nel preparare una crema spalmabile al timo, mescolando un cucchiaino di foglioline della versione secca con un pizzico di sale, uno di pepe bianco e circa 100 grammi di formaggio morbido, aiutandosi con un frullatore per ottenere una consistenza omogenea. La crema è ottima da spalmare su fette di pane tostato o cracker.

    Un’ultima soluzione, infine, consiste nell’utilizzare il burro aromatizzato, unendo anche un pizzico di sale, una scorzetta grattugiata di limone e un po’ di pepe, per condire dei tranci di salmone prima di cuocerli alla griglia.

    Dopo aver visto le caratteristiche del timo, gli abbinamenti specifici ed alcune interessanti preparazioni, è giunto il momento di proporvi una ricetta

    La ricetta: Tortino di zucchine e timo

    tortino zucchine e timo

    Una preparazione facile ma davvero pratica e saporita per portare in tavola una torta rustica con il gusto delle zucchine e l’aroma del timo.

    Ingredienti

    • 3 zucchine
    • 1 rotolo di pasta sfoglia
    • 2 uova
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe
    • q.b. di timo
    • q.b. di olio extravergine

    Procedimento

    1. Lavate le zucchine con acqua fredda, eliminate le parti in eccesso e tagliatele a rondelle molto sottili, di circa 1-2 mm. Mettete a scaldare in padella un filo d’olio extravergine e cuocete le zucchine, con coperchio, fino a quando risulteranno morbide.
    2. Salatele per far uscire l’acqua dalle verdure e proseguite fino alla fine della cottura. Adagiate la sfoglia con la sua carta da forno in una teglia. Versate tutte le zucchine sulla sfoglia.
    3. A parte, sbattete 2 uova con pochissimo sale, pepe e timo. Versate le uova sulle zucchine e mettete il tortino nel forno già caldo, a 180 °C per 25 minuti.

    Un ingrediente versatile, prezioso in cucina, che può essere abbinamento a molti alimenti e utilizzato in tante preparazioni. Quali abbinamenti particolari con il timo avete da proporci?

    Luca Sessa

    Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come food writer e food blogger. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: "amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione. Ha collaborato con Dissapore, iFood, Excellence, Scatti di Gusto ed ora scrive per The Fork.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi