candy canes

Storia e ricetta dei Candy Canes, i bastoncini di zucchero bicolore

Angela Caporale
2

     

    Non è Natale, almeno negli Stati Uniti, senza i Candy canes, i bastoncini di zucchero bianchi e rossi usati anche come decorazione. Sono di gran lunga il dolce natalizio più venduto dal Ringraziamento alla Vigilia di Natale negli States dove, come omini e casette di pan di zenzero, sono elementi irrinunciabili per ricreare in casa la vera e autentica atmosfera delle feste.
    Ma sapete qual è l’origine di questi bastoncini di zucchero bicolori alla menta piperita? È proprio questo che andiamo a scoprire oggi, facendo un viaggio nel tempo fino alla Germania del 1670 quando, si narra, vennero “inventati” i candy canes!

    Candy Canes, un dolce nato in Germania?

    peppermint candy canes

    New Africa/shutterstock.com

    Numerose testimonianze sono concordi nell’individuare una possibile data per la “nascita” del candy canes. Ci troviamo nel 1670 a Colonia, in Germania, e più precisamente nella cattedrale della città durante la celebrazione della natività. Il maestro del coro, si tramanda, decise di dare a tutti i più giovani coristi dei bastoncini di zucchero per farli stare quieti durante lo spettacolo.

    Questa storia, a metà tra testimonianze e leggenda, ci conferma un fatto storico appurato, ovvero il fatto che già nel Seicento in Germania era diffusa la preparazione di dolcetti con lo zucchero soffiato, una preparazione che – per quanto più grezza – anticipa quella dei candy canes che conosciamo oggi.

    L’arrivo negli Stati Uniti e il successo

     

    Sappiamo, dunque, che nel Vecchio Continente i dolcetti a forma di bastone zuccherini erano ben diffusi già nel Seicento, ma dobbiamo ancora svelare come questa ricetta sia sbarcata in America dove è diventata così popolare. Anche in questo caso, sono le migrazioni a creare ponti e stimolare la contaminazione. Siamo, infatti, nel 1847 quando un immigrato metà tedesco e metà svedese, tale August Imgard, si trasferì a Wooster in Ohio. Lì, si racconta (e ricorda) che il signor Imgard addobbò un albero di Natale con decorazioni e carta e, a sorpresa, dei deliziosi bastoncini di zucchero di colore bianco e con la forma arcuata. Del resto, altrimenti era impossibile appenderli ai rami dell’abete natalizio!

    L’idea, evidentemente, piacque molto al punto che, da allora, i candy canes si sono ampiamente diffusi negli Stati Uniti fino a diventare una decorazione gustosa e irrinunciabile. È nel Novecento, però, che l’estetica e il sapore dei bastoncini di zucchero si è consolidata. Infatti, il merito dell’aggiunta della menta piperita va riconosciuto a un farmacista statunitense misterioso che, abituato a mitigare il sapore delle medicine con questa erba aromatica, pensò di aggiungerla anche alla preparazione dei candy canes per renderli più gradevoli.

    Come sono diventati la decorazione più amata?

    candy canes decoration

    Elena Shashkina/shutterstock.com

    La diffusione dei candy canes negli Stati Uniti e, poi, in tutto il mondo è una storia ancor più recente. Negli anni Venti, il fondatore dell’azienda dolciaria Bobs Candies, Bob McCormak, iniziò a produrre i bastoncini di zucchero soprattutto nel periodo natalizio, regalandoli ad amici e parenti.

    I candy canes, all’epoca, erano ancora preparati esclusivamente a mano, fattore che rendeva questo dono ancor più prezioso e da conservare, più che da mangiare! Ma, ormai, alla Bobs Candies si erano affezionati e legati a questo dono ed è proprio qui che Gregory Keller, cognato di Bob, negli anni Cinquanta attivò la prima macchina che consente la produzione automatizzata dei bastoncini. Una piccola rivoluzione che ha permesso ai Candy canes di diventare il simbolo delle decorazioni di Natale che tutti noi oggi conosciamo.  

    Le caratteristiche dei Candy Canes: strisce rosse e la forma a “J” come Jesus

    Meno chiaro, invece, è il motivo per cui, nel Novecento, sono state aggiunge le righe rosse. Probabilmente è stata una scelta estetica per rendere i bastoncini ancor più belli e più natalizi. Ma anche in questo caso non mancano interpretazioni curiose e leggende. Una, in particolare, sostiene che le strisce rosse rappresentassero un codice segreto utilizzato dai cristiani nel Seicento in Germania e in Inghilterra. In particolare, si immagina che il colore rosso rappresenti il sangue di Cristo e  il numero di strisce presenti sul bastoncini rimandi a un messaggio: tre richiamano la Trinità, una il sacrificio di Gesù e via dicendo. 

    Le storie che legano i Candy canes alla tradizione cristiana non finisco qui. In molti, infatti, sono convinti che la loro tipica forma non richiami semplicemente quella di un bastone, ma che richiami la “J” di Jesus. Di tutto ciò non esistono prove e testimonianze certe, ma sicuramente contribuiscono a rendere ancor più affascinante la storia dei bastoncini di zucchero.

    Come preparare i Candy canes

    ricetta candy canes

    Pixel-Shot/shutterstock.com

    A questo punto sarete sicuramente curiosi di sapere come preparare i candy canes in casa! Per questo veniamo in vostro supporto, proponendovi la ricetta della food blogger statunitense Kelly Williams, raccolta nel ricettario Just A Pinch, che ci ha conquistato perché è una ricetta casalinga e d’effetto.

    Ingredienti

    • 250 g di zucchero
    • 60 g di sciroppo di mais light (che si può sostituire con la stessa quantità di miele)
    • mezzo bicchiere d’acqua
    • un cucchiaino di cremor tartaro (che si può sostituire con la stessa quantità di yogurt oppure, ancor meglio, succo di limone)
    • un cucchiaino di estratto di menta piperita
    • un cucchiaino di colorante alimentare di colore rosso.

    Procedimento

    1. In una padella dal fondo alto, unite zucchero, sciroppo di mais, il cremor tartaro e l’acqua, mescolando finché lo zucchero si dissolve.
    2. Cucinate il composto a fiamma bassa, senza mescolare fino a rassodarlo.
    3. A questo punto, aggiungete l’estratto di menta piperita e poi dividete in due parti uguali. In una delle due, aggiungete anche il colorante alimentare per farla diventare rossa.
    4. Rovesciate la metà bianca su una carta da forno imburrata e fate lo stesso, su un altro foglio, con la metà rossa. Quando il composto raggiunge una temperatura per essere trattato, iniziate a tirare la “pasta”, meglio se imburrando leggermente anche le mani.
    5. Quando avrete la sensazione che non potete tirare di più il composto, formate delle corde, sempre una bianca e una rossa, e arrotolatele insieme.
    6. A questo punto, tagliate la corda intrecciata in segmento di circa 20 cm, formate il bastoncino e riponete il composto su un vassoio imburrato e lasciate riposare finché non saranno completamente induriti.

    A questo punto siete pronti a utilizzare le vostre Candy canes! Appendeteli ai vostri alberi di Natale, oppure regalateli ad amici e a parenti, soprattutto ai bambini: saranno senz’altro una sorpresa gradita. Conoscevate l’origine dei famosi bastoncini di zucchero?

     

    Angela Caporale

    Passaporto friulano e cuore bolognese, Angela vive a Udine dove lavora come giornalista freelance. Per Il Giornale del Cibo scrive di attualità, sociale e food innovation. Il suo piatto preferito sono i tortelloni burro, salvia e una sana spolverata di parmigiano: comfort food per eccellenza, ha imparato a fare la sfoglia per poterli mangiare e condividere ogni volta che ne sente il bisogno.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *