Caciotta Vaccina Frentana

Adriana Angelieri

di Mara Briganti.

Un tempo, quando le vacche podoliche venivano utilizzate per il lavoro agricolo, in Abruzzo si utilizzava il loro latte crudo per fare la Caciotta Vaccina Frentana. Oggi è cambiata la provenienza dell’ingrediente – si usa il latte di razze come la Bruna, la Frisona e la Pezzata rossa – ma resta invariata la sua peculiarità. Si può consumare fresca dopo pochi giorni, o arrostita dopo 15 o 20 giorni. Una volta si faceva stagionare e diventava un formaggio da grattugia che si utilizzava anche per preparare un dolce, il Fiadone. Non è cambiato invece il segno caratteristico sulla superficie delle fuscelle di vimini usate per la formatura, oggi come allora.

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *