Risultati della ricerca per: obesità infantile

Obesità infantile

Obesità infantile: l’epidemia negli ultimi dati dell’OMS

    Secondo uno studio condotto dall’Imperial College di Londra e dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il numero di bambini e adolescenti obesi (tra i 5 e 19 anni) è aumentato di 10 volte negli ultimi 40 anni, mentre in Italia è cresciuto di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975. Ecco allora che,

microbiota intestinale

Il microbiota intestinale aiuta a predire l’obesità infantile: la ricerca dell’Unibo

  Il microbiota intestinale, ovvero l’insieme di microrganismi che si trovano nell’intestino, svolge un ruolo molto importante per la salute. Un recente importante studio dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, pubblicato sulla rivista Communications Biology, ha scoperto come la conoscenza della composizione del microbiota intestinale possa aiutare anche a predire il rischio di sviluppo

crescere a tavola

Scuola e famiglie insieme contro l’obesità infantile: le riflessioni emerse dal convegno “Crescere a Tavola”

  Ieri mattina a Milano, nel corso di un evento organizzato con il nostro editore, CIRFOOD, sono stati presentati i risultati della campagna di sensibilizzazione #CrescereATavola, ideata dalla nostra testata per promuovere la prevenzione dell’obesità infantile e incentivare i corretti stili di vita dei bambini. Da aprile a ottobre 2018, infatti, abbiamo collaborato con esperti

obesità infantile merendine

Obesità infantile: tutta colpa delle merendine?

  L’obesità infantile non dipende dalle merendine. È questa la conclusione alla quale sembra giungere l’AIDEPI (Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane), incrociando i dati forniti da OKkio alla salute – l’osservatorio nazionale del Ministero della Salute sul sovrappeso e l’obesità infantile dei bambini fra i 6 e i 10 anni –

Consumi low cost: le ragioni economiche sono causa di obesità infantile?

    Una percentuale compresa tra il 10 e il 30% della popolazione europea è obesa, secondo le stime fornite all’Organizzazione mondiale della sanità dai paesi membri dell’Unione Europea. Si tratta di un dato che, secondo la guida “Obesità e disuguaglianze” redatta dall’OMS stessa, andrebbe scorporato poiché non tiene conto di fattori socio-economici e culturali:

come curare obesità infantile

Obesità infantile: come curarla e come fare prevenzione

  Il Giornale del Cibo si è più volte occupato di obesità infantile, un fenomeno mondiale di proporzioni preoccupanti che riguarda circa 40 milioni di bambini sotto i 5 anni, Italia compresa. Si tratta di una patologia le cui conseguenze per la salute, in particolare lo sviluppo di malattie croniche, non sono da sottovalutare, ma

obesità infantile conseguenze

Obesità infantile: quali sono i rischi per la salute dei bambini?

  Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’obesità si può considerare addirittura come una delle epidemie più gravi del millennio. Una presa di posizione forte, quella dell’OMS, che mira a porre l’attenzione su questa patologia, ma soprattutto su quanto si può fare per prevenirla. Infatti, soprattutto se ci dedichiamo ai più piccoli, prima che l’eccesso ponderale

in forma a scuola

“InForma a scuola”: cibo sano e movimento contro l’obesità infantile

Obesità e sovrappeso rappresentano, nella contemporaneità, un problema radicato, diffuso e grave, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha parlato di “epidemia del nuovo millennio”. Preoccupano, in particolare, le conseguenze sulla salute, a medio e lungo termine, per la comparsa di diabete, malattie cardiovascolari e respiratorie, cancro, ma anche problemi psico-sociali. Per questa ragione, medici,

obesità infantile

Obesità infantile: una forte fame d’amore su cui intervenire

Secondo gli ultimi dati Okkio, i bambini maggiormente affetti da obesità sono nel Sud Italia. I numeri dell’obesità infantile sono preoccupanti, così sono partite campagne di “allarme obesità” per intervenire. Un esempio è l’iniziativa “Magno, ergo cogito” ad Avellino, zona campana più colpita dal problema, che si propone di diffondere i corretti principi alimentari e

obesita-infantile

Obesità Infantile

  L’Obesità in età evolutiva: strategie di prevenzione Dott.ssa Patrizia Pedrazzi e Prof.ssa Isabella Zini. (Corso di Laurea in Dietistica – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia). L’obesità può essere definita come un eccessivo accumulo di tessuto adiposo in grado di indurre un aumento significativo dei rischi per la salute. Il 10% dei

Denutrizione infantile, fame e obesità: l’insicurezza alimentare nel Rapporto FAO 2019

  Ovunque nel mondo, nel 2019, si muore di obesità e si muore anche di fame. Questo, in sintesi, il drammatico quadro che emerge da Stato della Sicurezza Alimentare e della nutrizione nel mondo 2019, il rapporto annuale della FAO, che denuncia: “l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile Fame Zero entro il 2030 è sempre più lontano”.

Nasce la Carta dei diritti e dei doveri della persona con obesità

  Secondo le stime della FAO, circa 2 miliardi di persone nel mondo sono in sovrappeso. Dal 1975 al 2016 il tasso di obesità è triplicato e ogni anno almeno 3 milioni di persone muoiono per le conseguenze legate a questa condizione, che non riguarda soltanto i Paesi ricchi e avanzati: in Africa sono ben

obesity day

Obesity Day: in Italia cala quella infantile, ma rimane l’allarme

L’11 ottobre è l’obesity day, ovvero il giorno dell’obesità. Non certo una festa, ma una giornata di sensibilizzazione nei confronti di una malattia cronica che riguarda adulti e bambini e che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito l’epidemia del nuovo millennio, che colpisce circa 2 miliardi di persone in tutto il Pianeta. Una cifra impressionante,

obesità più letale del fumo

Obesità più letale del fumo: lo dice una nuova ricerca

Vi abbiamo già raccontato di come i numeri dell’obesità nel mondo abbiano portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a considerarla un’epidemia. Parlare di epidemia globale dell’obesità, prendendo in prestito la definizione presente nel famoso articolo di Benjamin Caballero, del Center for Human Nutrition della Bloomberg School of Public Health-Johns Hopkins University di Baltimora, significa considerare la

predisposizione obesità

Predisposizione all’Obesità: quanto conta e che ruolo svolge la genetica?

La predisposizione all’obesità tende a essere sottovalutata quando si considerano le condizioni fisiche di chi deve perdere peso. Sappiamo che i chili di troppo dipendono da un’alimentazione eccessiva o scorretta, ma talvolta è la genetica a influire sull’eccesso di grasso corporeo. Ci siamo già occupati di obesità infantile e del rischio di ingrassare per i

Educazione Alimentare

Piovono faccine per combattere sovrappeso e obesità

Qualche articolo fa vi abbiamo parlato di una ricerca di educazione alimentare effettuata alla Harvard Medical School. Lo studio dimostrava quanto rendere i piatti più attraenti potesse invogliare anche i bambini più schizzinosi a mangiare le verdure. Oggi, a proposito di educazione alimentare, con una faccina sorridente vi segnaliamo due recenti esperimenti condotti negli Stati

dieta-mediterranea-patrimonio-nazionale-dell-unesco

La dieta mediterranea riduce il rischio di obesità nei bambini

Oltre a difendere dal rischio di sviluppare molte malattie, la dieta mediterranea sembra anche diminuire nei bambini il rischio dell’obesità infantile. La ricerca è stata condotta su ben 16.220 bambini tra i due e i nove anni di otto Paesi europei,Leggi l’articolo su ilfattoalimentare.it

obesita-cosa-ne-sappiamo

Obesità: Cosa Ne Sappiamo?

di Mara Briganti. Essere “grassi” nei tempi antichi era considerato un “lusso”: solo i ricchi potevano permetterselo. Ancora oggi la mentalità delle generazioni degli anni ’30 e ’40 è figlia di questa interpretazione:“grasso è bello”, per citare un celebre musical. Ebbene, grasso sì… ma non troppo: oggi l’obesità è diventata una malattia dai numeri tanto

Obesita’: Cosa Ne Sappiamo?

di Mara Briganti. Essere ‘grassi’ nei tempi antichi era considerato un ‘lusso’: solo i ricchi potevano permetterselo. Ancora oggi la mentalità delle generazioni degli anni ’30 e ’40 è figlia di questa interpretazione: ‘grasso è bello’, per citare un celebre musical. Ebbene, grasso sì… ma non troppo: oggi l’obesità è diventata una malattia dai numeri