Tremila Chili Di Gelato Allo Sherbeth Festival Di Cefalù

alex

di Alex Castelli. Sherbeth bagnato, Sherbeth fortunato: si può sintetizzare così il Festival del gelato artigianale di Cefalù che ha fatto registrare ottimi numeri malgrado il tempo inclemente sulla cittadina siciliana. Tremila chili di gelato, trentamila partecipanti, cinquantamila tra coppette e coni distribuiti dai venti gelatieri presenti, trenta differenti gusti, un drappello di una dozzina di giornalisti della stampa di settore estera provenienti da Canada, Svezia, Inghilterra, Grecia, Spagna e Giappone. I visitatori locali e i turisti hanno apprezzato gli eccellenti gusti alla fragolina di Ribera, al torrone, al pistacchio di Bronte, alla cassata siciliana, al Nero d’Avola, al cannolo, alla ricotta stregata, ai gelsi neri… Uno più buono dell’altro, tanto che anche sotto l’ombrello i visitatori non hanno rinunciato a chiedere la propria degustazione ai gelatieri, anche loro armati di ombrello e di sorriso sulle labbra. Presente anche il Giornale del Cibo, con Martino e Patrizio che hanno intervistato i gelatieri per farsi svelare tutti i segreti dei gusti proposti e della produzione artigianale. Patrizio con la sua golosa curiosità e Martino con la sua competenza gastronomica hanno assaggiato e commentato tutti i gusti facendo amicizia con i divertiti gelatieri. Alcuni si sono dimostrati subito estroversi altri si sono sciolti dopo un minimo di emozione iniziale. Il fresco clima di relax e gusto si è arricchito così delle interessanti informazioni e da alcune curiosità raccolte, dal gelato ‘Dobermann’ chiamato così in onore a un commesso troppo aggressivo, al gelato al limoncello che non è alcolico ma fatto con una varietà speciale di limoni, passando per il mistero svelato dell’origine della torta sette veli. Nella mattinata di domenica 21 all’interno della Sala delle Capriate, aula consiliare di Cefalù, i nostri hanno presentato il Giornale del Cibo e i libri Golosi per Caso e Turisti per Cibo. Martino ha poi tenuto una vera e propria lezione di storia della gastronomia raccontando i risultati di una sua approfondita ricerca sul tema controverso e mai abbastanza studiato delle origini e della storia del sorbetto e del gelato. Di rilievo didattico anche il Laboratorio del Gusto organizzato in collaborazione con Slow Food e dedicato al pistacchio, preparato in cinque modi diversi da Antonio Cappadonia. Gelatiere di Cerda e instancabile direttore del festival, Cappadonia ha spiegato ai giornalisti e ai curiosi presenti come si fa il gelato artigianale e che cosa lo distingue dall’industriale (che in realtà non andrebbe chiamato ‘gelato’ ma ‘ice cream’) e quanto è importante la scelta di materie prime ottime – latte, uova, panna, zucchero e addensanti naturali come la farina di carruba – per un’ottima riuscita. Il Laboratorio ha dimostrato quanto cambia lo stesso gusto al variare della materia prima usata. Per fare apprezzare al meglio le differenze Cappadonia ha proposto i cinque gelati al pistacchio senza svelarne all’inizio le differenze. Patrizio, Martino e tutti i presenti hanno degustato, apprezzato le diverse qualità organolettiche dei gusti, commentato, tirato a indovinare. La differenza stava appunto nel pistacchio usato per dare il gusto alla base sempre uguale: pistacchio iraniano, una miscela di anacardi, mandorle e nocciole, 100% pistacchio di Bronte, 50% di Bronte e 50% iraniano, un semilavorato. Martino ha indovinato praticamente sempre e il più apprezzato in assoluto, manco a dirlo, è stato quello al Pistacchio di Bronte, prodotto di eccellenza della cittadina etnea. Per la cronaca un grande successo è stato registrato dal concerto di Marina Rei, Max Gazzè e Paola Turci che il venerdì sera ha portato migliaia di persone nella piazza dominata dall’imponente Duomo di Cefalù. A causa del maltempo invece si è dovuta tenere al chiuso della Sala delle Capriate la premiazione finale. A ogni gelatiere l’organizzazione ha donato un colorato piatto in ceramica artigianale realizzato per l’occasione con il logo di Sherbeth Festival 2007. Premiati anche il sindaco di Cefalù Giuseppe Guercio, il Presidente Nazionale di Confartigianato alimentare gelatieri Loris Molin Pradel, i nostri Patrizio Roversi e Martino Ragusa. Lo Sherbeth Festival è stato anche l’occasione per lanciare il nuovo disciplinare sul gelato artigianale firmato da Confartigianato e Cna, che prevede un marchio unico e regole chiare e trasparenti che identificano le produzioni di qualità. Grande soddisfazione è stata espressa dalla società Iris Communication, che ha organizzato l’evento dedicato al gelato dei maestri artigiani della Cna e della Confartigianato in collaborazione con il Ministero per le Politiche agricole, l’Assessorato regionale al Turismo e il Comune di Cefalù. ‘La gente ha dimostrato di amare il gelato – ha commentato Piergiorgio Martorana di Iris Communication – e questa manifestazione mancava dal panorama delle fiere alimentari. Stiamo già cominciando a lavorare alla seconda edizione, che sarà ancora più ricca di eventi’. Nel frattempo andate a dare un’occhiata alla Galleria fotografica con una colorata e gustosa selezione delle foto dell’evento.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi