torte famose

10 torte famose da provare nelle città più dolci d’Europa

Giovanni Angelucci

Sapevate che esiste anche l’international cake day? È il giorno dedicato alle torte a cui gli americani hanno dato i natali il 26 novembre, ma non è forse ogni giorno quello perfetto per godersi una buona e dolce fetta delle torte più famose che ci siano? Gli italiani sono famosi per essere delle “buone forchette” e anche dei grandi golosi, soprattutto quando viaggiano.

Holidu, il motore ricerca per case vacanze, ha avuto la furba idea di unire la passione per i viaggi e il buon cibo, passando in rassegna le torte famose e più goduriose d’Europa.

Come? Stilando una classifica delle metropoli europee che custodiscono la ricetta di una torta squisita, tenendo anche conto della densità dei caffè in base al numero di abitanti per ogni metropoli, e fornendo qualche dolce consiglio sui migliori locali nei quali assaporare ciascuna di queste torte.

Ecco, dunque,  la classifica delle città più dolci d’Europa, passando in rassegna alcune delle torte famose che tutti vorrebbero assaggiare.

Sachertorte – Vienna

sachertorte hotel sacher vienna

Fonte: Café Sacher

Vienna è una delle città più romantiche d’Europa resa particolarmente dolce anche da un dessert tipico: la fantastica Sachertorte. Venerata da tutti gli amanti del cioccolato, è una delle specialità più famose della città austriaca, sin dai tempi lontani. Secondo la leggenda, infatti, la sua nascita è attestata all’anno 1832 quando, in occasione di un’importante cena alla corte austriaca, il giovane cuoco apprendista Franz Sacher, creò la torta che ebbe poi fama mondiale: la Sacher. Suo figlio Eduard Sacher in onore del padre e dell’arte pasticcera dette vita al famosissimo Hotel Sacher di Vienna, luogo dove poter gustare la migliore Sacher di sempre.

Dove mangiarla

Café Sacher

Se volete assaggiare una sacher secondo la ricetta tradizionale, il Café Sacher è il posto giusto. Ogni anno, da 180 anni, vengono vendute ben 360.000 fette di questa fantastica torta.

Vollpension Wien

Se cercate un più informale, il Vollpension è un must. Un grazioso locale nel quale è possibile assaggiare diverse torte tra cui ovviamente la Sacher.

Tarte au citron meringuée – Parigi

tarte au citron parigi

Parigi è capitale dell’amore ma anche dell’alta gastronomia, comprese le sue torte. Da sempre si disquisisce riguardo le origini della tarte au citron: per alcuni è francese, inglese, americana o per altri addirittura svizzera. Per altri ancora sembra provenire da Menton, la città dei limoni. In ogni caso è oltralpe che ha la sua massima espressione ed apprezzamento da tempi lontani.

Dove mangiarla

Patisserie Gérard Mulot

Chi non conosce le mitiche pâtisseries di Parigi, luoghi di tradizione e gusto. Tra queste è da citare la pâtisserie Gérard Mulot nella quale trovare una delle migliori tarte au citron.

Salon KL Patisserie

Lo chef pasticcere Kevin Lacote ha reinventato la famosissima tarte au citron, creandone una nuova versione molto apprezzata. In questo luogo vi sentirete a casa e potrete ammirare i pasticceri al lavoro.

Toucinho do Céu – Lisbona

toucinho do ceu

Fonte: Holidu

Tradotto vuol dire “pancetta del cielo” ed è un dolce tradizionale portoghese a base di uova e zucchero. Le sue origini si attestano nel convento di Odivelas, non distante da Lisbona. Il toucinho è una specie di torta a base di zucchero caramellato e uova, alla quale vengono aggiunti mandorle, una speciale marmellata portoghese (la Gila) e tuorli d’uovo. Il nome dal lardo che originariamente veniva utilizzato come ingrediente principale.

Dove mangiarla

Pastelaria Faruque, Odivelas

Questo posto si trova di fronte al convento di Odivelas, proprio dove il toucinho è stato inventato. Monumento nazionale e di forte identità tra gusto e storia perchè non è così facile assaggiare un prodotto proprio lì dove è stato creato.

Pastelaria Versailles

È uno dei caffè più chic di Lisbona fondato nel 1922 da Salvador Antunes, un portoghese innamorato dell’art nouveau e pasticcere di scuola francese.

Bündner Nusstorte – Zurigo

zurigo schwarzen cafè

Fonte: Teecafè Schwarzen

L’impasto dolce ripieno di nocciole caramellate fa della Bündner Nusstorte una delle torte più apprezzate di Svizzera. La inventò nel sud-est del paese il pasticcere Fausto Pult, era il 1926 quando nacque la torta alle nocciole diversa da tutte le altre nel mondo per via dell’impasto in cui i frutti vengono aggiunti e non mischiati.

Dove mangiarla

Teecafé Schwarzenbach

Il tradizionale negozio di Oberdorf è stato fondato nel 1864 ed è in mano alla famiglia Schwarzenbach da ormai cinque generazioni. Siamo in un ex magazzino di caffè e qui oggi vengono serviti i dolci home made abbinati a caffè e tè aromatizzati.

Ristorante Cafè Boy

Un indirizzo che piace tanto a chi vuol fare bella figura con ospiti e amici, scelto di solito per chi vuole concedersi l’ultima fetta di Nusstorte della giornata. Se di solito viene servita con della crema, in questo caso ad accompagnarla ci sarà del gelato al mango.

Victoria Sponge – Londra

victoria sponge

Nel paese della corona è la regina a dettare usi e costumi, anche a tavola. A suo nome questa torta che ha sempre amato mangiare con il tè pomeridiano. Però mi raccomando, che venga servita con marmellata di lamponi e panna montata!

Dove mangiarla

Park Room at Grosvenor house

Arredamento tipicamente britannico, che più britannico non ce n’è, offre la possibilità di godere della vista panoramica su Hyde Park mangiando una fetta di Victoria Sponge, accompagnata dal tè delle cinque.

Panificio Primrose

Bellissimo arredo nel Covent Garden dove comprare le golose fette di Victoria sponge e cupcake in autentico stile britannico. Qui le diverse varianti di torta sono numerosissime!

Torta caprese – Roma

torta caprese

Fonte: Holidu

Trovare una torta nazionale per lo stivale tricolore è forse impossibile, motivo per cui è stata scelta la torta caprese che racchiude l’amore tutto italiano per cioccolato e torte.

Ci sono diverse storie sulle sue origini e la leggenda più famosa racconta che una principessa austriaca, sposata con il re di Napoli, volesse una Sacher ma lo chef non ne conoscesse la ricetta. Così decise di preparare la torta aggiungendo delle mandorle, inventando quindi la caprese.

Dove mangiarla

Said dal 1923

Gradevole e accogliente caffetteria dove trovare il cioccolato nelle sue tante forme. Qui la torta caprese è servita in versione tradizionale accompagnata da una calda tazza di caffè, ma la scelta tra i tanti dolci sarà difficile!

Antico caffè Greco

In via Condotti c’è uno dei caffè storici dello d’Italia, il secondo più antico del paese, un luogo raffinato in cui nulla è lasciato al caso. Nonostante l’espressione più vera della Caprese sia da rintracciare a Napoli, il Caffè Greco ne offre una propria davvero speciale.

Prinsesstårta – Stoccolma

torta verde stoccolma

Fonte: Thelins via Instagram

Chiamata anche “torta verde” per il suo colore, la prinsesstårta risale al 1929 ma oggi è prodotta utilizzando il marzapane. Jenny Åkerström, insegnante domestica delle principesse Margaretha, Märtha e Astrid ne è l’inventrice: la torta verde era la loro preferita, ecco quindi il perchè del nome “principesco”. In Svezia c’è anche una settimana dedicata a questa torta.

Dove mangiarla

Tössebageriet

Caffè classico e storico di Svezia nato nel 1920 dove assaggiare i dolci tradizionali del paese. In questo locale vincitore di un oro olimpico nella pasticceria, sono state create anche torte nuziali per la famiglia reale.

Thelins konditori

È una catena di Stoccolma dove non si comprano soltanto le migliori leccornie in circolazione ma si fanno anche dei buoni pranzi da concludere ovviamente con una fetta di torta.

Tarta de Santiago – Madrid

tarta de santiago

Essendo un’icona di Santiago de Compostela, viene mangiata soprattutto tra luglio e inizio agosto durante le celebrazioni per l’apostolo Giacomo (Santiago in spagnolo) il 25 luglio. Addirittura già nel 1577 vi è traccia di una sua apparizione e nel 1828 nacque poi la ricetta che si conosce oggi, in cui le mandorle la fanno da protagonista.

Dove mangiarla

Museo del Pan Gallego

Questa pasticceria galiziana situata proprio nel centro città offre la più famosa tarta de Santiago della capitale. Rinomata per i suoi prodotti di qualità e le ricette tradizionali, questo caffè è un vero paradiso per gli amanti dei dolci.

Harina

Qui si mangia una strepitosa Tarta de Santiago decorata con lamponi succosi.

Käsekuchen – Berlino

kaesekuchen

©Holidu.jpg

La più antica ricetta della Käsekuchen è greca e quindi la provenienza è da attestare al paese mediterraneo ma da quando è comparsa per la prima volta nel XVI secolo, questa torta al formaggio ha conquistato tutti i cuori tedeschi ed è da annoverare tra le torte famose d’Europa.

Dove mangiarla

Cafe Einstein, Tiergarten

Il café Einstein è un grande classico non solo per la Käsekuchen. Si tratta di una Kaffeehaus in stile viennese dove, tra interni antichi e un ampio giardino per i periodi estivi, gli  elegantissimi camerieri in bianco e nero vi serviranno e riveriranno.

Cafe Dreikäsehoch, Prenzlauer Berg

Qui potrete trovare ben 45 varietà di Käsekuchen: dalla classica al marzapane passando a quella con frutti regionali per una pausa di lusso accompagnata anche da un calice di champagne.

Napoleonka – Varsavia

torta napoleonka varsavia

È una torta polacca formata da due strati di pasta sfoglia con ripieno di crema e decorazione di zucchero a velo o glassa. Imperdibile se si dice di far visita alla capitale della Polonia.

Dove mangiarla

Lukullus

Lukullus è un’altra catena da trovare quasi ovunque a Varsavia. Qui potrete degustare la vostra fetta di napoleonka tradizionale e altri dolci da leccarsi i baffi.

Sweet Home patisserie & cafè

Anche di Sweet Home ce ne sono diverse in città, a porte aperte per accogliere gli amanti golosi delle torte. Qui la kremowka sarà servita in vari gusti: con fichi, cioccolato bianco o fondente, pesche, mascarpone, ciliegie e lamponi.

A questo punto il vostro livello glicemico sarà piuttosto elevato e vi starete chiedendo: che voglia di dolce, cosa mangerei ora? Perchè non date un’occhiata alla ricetta dell’intramontabile torta alle mele?

 

[Le immagini sono state selezionate e fornite da Holidu]

Giovanni Angelucci

Giornalista e gastronomo, collabora con numerose riviste e quotidiani che si occupano di cibo e viaggi tra le quali spiccano La Stampa, Dove e la Gazzetta dello Sport. I suoi piatti preferiti sono gli arrosticini (ma che siano di vera pecora abruzzese) e gli agnolotti del plin con sugo di carne arrosto. Dice che in tavola non può mai mancare il vino (preferibilmente Trebbiano Valentini o Barbaresco Sottimano).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi