tegame

Tegame

Adriana Angelieri

Per tegame si intende generalmente un contenitore di cottura in metallo, dai bordi bassi, dritti o lievemente ricurvi, fra i 6 ed i 10 cm di altezza, con un diametro variabile fra i 14 ed i 50 cm e dotato di due manici. Il tegame coi bordi ricurvi è ideale per cucinare le frittate oppure per brasare le verdure. I bordi svasati infatti permettono di togliere o girare le pietanze con facilità. Quello con i bordi dritti, detto anche casseruola bassa, è adatto invece per cibi che richiedono un’ampia superficie di cottura, come le cotolette o le scaloppine.

di Martino Ragusa

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *