share a meal

Share a meal: la campagna anti-spreco del World Food Programme

Elena Rizzo Nervo

Knorr e World Food Programme (WFP) – il programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite- hanno lanciato la campagna “Share a meal” per combattere spreco alimentare e fame nel mondo.  Al centro, la condivisione di un piatto anti-spreco attraverso una ricetta “svuotafrigo” e il sostegno al Programma “School Meals” del WFP, che fornisce pasti scolastici ai bambini più bisognosi del Kenya, ancora oggi uno dei Paesi con il più alto numero di minori malnutriti.

La campagna vede il coinvolgimento di speciali ambassador impegnati nella lotta allo spreco-alimentare tra i quali Lisa Casali, scienziata ambientale, food blogger e divulgatrice della filosofia del “quanto basta” in cucina.

Volete contribuire anche voi con la vostra ricetta realizzata a partire dai prodotti in scadenza o dagli avanzi alimentari? Vi raccontiamo come fare, ma ricordate che avete tempo solo fino al 17 dicembre!

Share a meal: una ricetta contro lo spreco alimentare

pastaca alle verdure

Insieme a Lisa Casali, la campagna “Share a meal” vede come testimonial Tessa Gelisio – conduttrice tv, scrittrice, blogger e ambientalista – Sonia Peronaci – cuoca, conduttrice tv e blogger – e Ivan Zaytsev, pallavolista e ambasciatore World Food Programme.

Per contribuire alla causa, gli ambassador hanno proposto le loro 4 ricette per una cucina antispreco; si tratta di:

  • pasta con ragù di verdure e guanciale su crema di lattuga di Sonia Peronaci
  • cipolle ripiene – di Tessa Gelisio
  • crescioni svuotafrigo – di Lisa Casali
  • frittata con guanciale e zucchine, con contorno di zucca di Ivan Zaytsev

La 5° ricetta sostenibile è quella degli utenti, che fino al 17 dicembre potranno partecipare al contest “Share a meal”, che permette di condividere un piatto buono.

Un contest per le ricette svuotafrigo

lisa casali ricette

Per partecipare, è necessario creare la propria ricetta “anti-spreco” a partire dagli alimenti in scadenza o dagli avanzi di cibo nel frigorifero o nella dispensa.
Basta caricare la foto del piatto con una breve descrizione su www.shareameal.it e promuoverla condividendola sui social. Tutte le ricette potranno essere votate dagli utenti e gli autori delle prime 24 vinceranno un’esperienza all’insegna della cucina “anti-spreco” con Lisa Casali.
Inoltre, ognuno potrà fare una donazione per sostenere il Programma “School Meals” del World Food Programme direttamente attraverso il sito shareameal.it.

“L’iniziativa ‘Share a meal’ si propone di sensibilizzare gli italiani sul paradosso attuale del cibo: ogni giorno 1 terzo di tutti gli alimenti prodotti viene sprecato, mentre 815 milioni di persone, pari all’11% della popolazione mondiale, soffrono ancora la fame  – spiega il Prof. Vincenzo Sanasi d’Arpe, Presidente del WFP Italia – […] vogliamo garantire ai bambini e alle bambine delle scuole più povere del mondo cibo nutriente, istruzione e salute. Un progetto importante per contribuire concretamente al secondo Obiettivo di Sviluppo Sostenibile ‘Fame Zero’, al cuore dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”.

Lanciata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, Fame Zero sprona  persone ed istituzioni, del settore pubblico e privato, a dare il proprio contributo per raggiungere l’obiettivo.

Come riportato dal Food World Programme, la sfida Fame Zero significa:

  • zero bambini con deficit di sviluppo sotto i due anni
  • 100% accesso a cibo adeguato, sempre
  • tutti i sistemi alimentari sostenibili
  • 100% aumento della produttività e del reddito dei piccoli contadini
  • zero perdite o sprechi di cibo.

Spreco e sicurezza alimentare: qual è il legame con le migrazioni attuali?

In un recente rapporto del WFP su fame e migrazioni, è emerso come la mancanza di sicurezza alimentare sia anche alla base delle grandi migrazioni che caratterizzano questo momento storico. Lo studio del WFP ha rilevato che i paesi con il più alto livello di insicurezza alimentare, hanno una maggior probabilità di conflitti armati e il più grande numero di rifugiati.

E a farne le spese, come spesso accade, sono le persone più fragili: infatti, 155 milioni di bambini sotto i 5 anni soffrono di problemi della crescita per via del cibo insufficiente, nello stesso mondo in cui ci sono 41 milioni di bambini in sovrappeso.

Ecco perché la campagna “Share a meal” ci ricorda che tutti, nel nostro piccolo, possiamo contribuire, attraverso scelte quotidiane e promuovendo la cultura del non spreco, come stanno facendo anche molti chef anti-spreco, da Bottura a Rubio. Del resto, il problema dell’accesso al cibo è quanto mai urgente con una popolazione mondiale che raggiungerà i 10 miliardi di persone nel 2050.

Vinceremo questa importantissima sfida?

Elena Rizzo Nervo

Elena è nata a Bologna, dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo si occupa di attualità, nutrizione e tendenze alimentari. Il suo piatto preferito é il Gateau di Patate, "perché unisce gusto e semplicità e conquista tutti". Per lei in cucina non può mancare una bottiglia di vino, "perché se c'è il vino c'è anche la buona compagnia".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi