iononsprecoperché

#iononsprecoperché: la legge anti spreco-alimentare sbarca sul web

Elena Rizzo Nervo

“Il giorno in cui il cibo non avrà più valore, non ci sarà più speranza per nulla”. Con questa frase di Carlo Petrini – fondatore di Slow Food – si apre la home di iononsprecoperché, la piattaforma web contro lo spreco alimentare presentata alla Camera dei Deputati il 18 dicembre. A lanciarla, Maria Chiara Gadda, promotrice dell’omonima legge anti-spreco approvata nel 2016 per favorire il recupero, le donazioni solidali e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaci.

La piattaforma #iononsprecoperché è la diretta evoluzione, l’applicazione pratica della legge italiana, qui spiegata nel dettaglio: un luogo dove trovare informazioni su come donare le eccedenze e su quali siano le buone pratiche anti-spreco, anche tramite la “family bag” che permette di portarsi a casa gli avanzi del proprio pasto al ristorante.

Vediamo allora come è nato e cosa prevede il progetto #iononsprecoperché.

Iononsprecoperché: il sito della legge contro lo spreco alimentare 

presentazione iononsprecoperché

Fonte: @nonsprecoperché

La piattaforma web nasce dopo un lungo tour in giro per l’Italia in cui la deputata Pd è andata a raccontare la legge sui territori, incontrando cittadini, amministrazioni e associazioni, in compagnia di un ambassador d’eccezione nella lotta contro lo spreco alimentare, ovvero Lisa Casali, che abbiamo recentemente intervistato per parlare del nuovo libro “Quanto Basta”.

“Per un’economia sempre più circolare e sostenibile occorrono azioni concrete, come la nuova piattaforma che unisce domanda e offerta per un uso più efficiente delle risorse”, ha commentato la food blogger in occasione del lancio di #iononsprecoperché.

Ma a cosa serve questa piattaforma?

Una guida per tutti, per poter donare e ricevere, con l’aiuto di esperti, che metteranno a fattor comune le loro esperienze, e la condivisione di buone pratiche sull’intero territorio nazionale. Sarà inoltre uno spazio di conoscenza delle norme nazionali e comunitarie legate ai temi dell’economia circolare. Promuoveremo inoltre campagne di educazione, formazione e sensibilizzazione sui benefici della legge per raggiungere il maggior numero di imprese ed esercizi che oggi possono donare con più agevolazioni rispetto al passato, e un supporto alle tante associazioni di volontariato impegnate su questo fronte”, assicura Maria Chiara Gadda.

Scopriamo, allora, questo nuovo sito dedicato alla lotta allo spreco alimentare.

Perché una legge anti-spreco

Sul sito www.iononsprecoperché.it vengono spiegate le potenzialità della legge Gadda e i motivi per cui si è trattato di una legge necessaria.

Grazie alla Legge 166/2016, infatti, per la prima volta nel nostro Paese sono stati definiti i concetti di “eccedenza” e di “spreco” alimentare, favorendo le procedure di donazione, attraverso meno burocrazia, meno tasse e buone pratiche, sia in ottica di prevenzione, sia per promuovere abitudini anti-spreco, come quella delle family o doggy bag, oggi molto diffusa anche nelle mense scolastiche, come nel caso delle scuole di Capannori, dove il cibo non si butta.

Come donare

A tal proposito, la piattaforma #iononsprecoperché spiega quali sono gli obblighi documentali e le procedure da seguire e riassume quali sono i soggetti che possono donare le eccedenze alimentari. Si tratta di:

  • imprese della grande distribuzione
  • punti vendita
  • piccoli esercizi commerciali
  • ristorazione organizzata e collettiva
  • produttori artigianali o industriali
  • mercati ortofrutticoli.
iononspreco

Fonte: iononsprecoperche.it

Chi: storie contro lo spreco alimentare

Ugualmente, sulla piattaforma è possibile trovare informazioni su chi può ricevere, ovvero, “enti senza fini di lucro, pubblici o privati, che perseguano finalità civiche e solidaristiche e che realizzino attività d’interesse generale”.

Oltre alle informazioni, sulla piattaforma si trovano le storie di ha donato e di chi ha ricevuto, (da non perdere il progetto Avanzi Popolo, con un nome così eloquente!), ed è possibile raccontare la propria esperienza e segnalare gli “eventi anti-spreco” organizzati sui territori, per incentivare l’applicazione delle legge e lo scambio di buone pratiche.

L’esperto risponde

Una sezione del sito è dedicata, infine, alla parola degli esperti. Qui è possibile trovare informazioni riguardo particolari dettagli e applicazioni della legge Gadda, ma anche fare domande per chiarire dubbi di varia natura. Il team, infatti, è composto, oltre che da Lisa Casali, da un esperto di fiscalità della legge, da una tecnologa alimentare e dal Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva.

Come specificato dalla stessa deputata Gadda, infatti, #iononsprecoperché vuole “divulgare le potenzialità di questa legge già operativa, una guida per tutti per poter donare e ricevere con l’aiuto degli esperti che risponderanno a tutte le domande, e vuole essere un punto di incontro e confronto”.

La Legge 166/2016 che, a differenza di quella francese che prevede sanzioni, punta sugli incentivi, è una normativa all’avanguardia nel panorama internazionale che sta riscontrando notevoli successi, anche grazie alla possibilità di applicazioni concrete, favorite da iniziative di cui #iononsprecoperché fa parte a pieno titolo.
A darle ancora maggior impulso è la notizia di oggi, annunciata con un tweet da Maria Chiara Gadda, ovvero l’estensione della legge alla donazione di prodotti per l’igiene, integratori alimentari, biocidi, presidi medico chirurgici, prodotti farmaceutici, cartoleria e cancelleria.

Possiamo dire che nella lotta allo spreco alimentare l’Italia sembra davvero essere sulla strada giusta. Cosa ne pensate?

Di spreco alimentare, cibo di cittadinanza e accesso al cibo, si è parlato anche quest’anno al Festival di Internazionale a Ferrara, nei tavoli di lavoro e nel convegno organizzato da CIR food insieme ad aziende, ricercatori ed esperti.

Elena Rizzo Nervo

Elena è nata a Bologna, dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo si occupa di attualità, nutrizione e alimentazione e illegalità alimentare. Il suo piatto preferito é il Gateau di Patate, "perché unisce gusto e semplicità e conquista tutti". Per lei in cucina non può mancare una bottiglia di vino, "perché se c'è il vino c'è anche la compagnia..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi