Salpa

Adriana Angelieri

Sarpa salpa, questo è il nome scientifico della salpa, appartenente alla famiglia dei Sparidi.

La salpa ha il corpo allungato, di forma ellittica, la testa piccola, la bocca presenta la mascella superiore più sporgente di quella inferiore, provvista, inoltre, di denti molto aguzzi. La colorazione è grigio-azzurra sul dorso, argentea sui fianchi, che presentano una serie di striature longitudinali di colore giallo-dorato. Questo pesce di qualità scadente viene scambiato, e a volte rifilato da commercianti poco onesti, con l’assai più pregiata orata. È facile, tuttavia, distinguere i due esemplari per via della caratteristica fascia dorata fra gli occhi e la macchia nera e rossa sull’opercolo dell’orata.

Come riconoscere se è fresco

Garanzia di freschezza sono la compattezza delle carni e il colore brillante.

Dove si pesca

Questo pesce frequenta in folti branchi i fondali rocciosi e melmosi, ricchi di vegetazione di cui si ciba.

Come si usa in cucina

La salpa è un pesce dalle carni poco apprezzate poiché tenere e stoppose. L’unico modo di cucinarla che la porta ad un certo livello è la frittura.

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *