Gamberoni rossi alla granella di pistacchio di Bronte

peppe57
Li ho assaggiati proprio pochi giorni fa in un ristorante fast-food aperto di recente nei pressi del Palazzo di Giustizia di Catania (ero lì per impegni di lavoro ed un seminario di aggiornamento professionale). Ho chiesto alla signora che serviva al banco e lei molto gentilmente mi ha detto che si trattava di gamberoni sgusciati senza toglier loro la testa e passati qualche secondo in olio bollente, poi - una volta sgocciolati venivano conditi con un pizzico di sale e granella di pistacchio. Li ho rifatti ieri sera a cena ed hanno ricevuto il plauso di moglie e figlio piccolo: gli altri 3 non li hanno neppure guardati. Quelle che indico sono le dosi per 4 persone per cui se avete ospiti raddoppiate.
Nessuna valutazione
Preparazione 1 h
Tempo totale 1 h
Portata Pesce
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Istruzioni
 

  • Lavate bene i gamberoni, asciugateli delicatamente e privateli del carapace lasciando integra la testa.
  • Portate l'olio a temperatura quasi da ebollizione e tuffateci dentro (devono galleggiare) i gamberoni per non più di 30-40 secondi.
  • Scolateli con una schiumarola e fateli sgocciolare dell'olio in eccesso su carta assorbente da cucina.
  • Sistemateli nei piatti individuali e spolverateli con un pizzico di sale e la granella di pistacchio.

Note

Suggerimento: quelli consumati al ristorante erano tenuti in caldo ed erano molto buoni, ma quelli fatti da me e mangiati quasi a spelladito, erano ancora meglio. Per cui serviteli caldi! Nota: La ricetta la indico come siciliana, in ossequio al Pistacchio di Bronte