Dolci e Dessert

Ciambelle al vino (viscuttedda ri vinu)

peppe57
  • Difficoltà: 1
  • Costo: 1
  • Preparazione: 2
  • Dosi: 4

Traducendolo alla lettera, il termine viscuttedda (al singolare viscuttieddu) indica i biscottini di qualsiasi pasta o foggia essi siano fatti. Questa è una ricetta della memoria, nel senso che più nessuno, neppure i pasticceri modicani più anziani, la prepara. Una ricetta da mettere sulla zattera, quindi, e da rivalutare sia per la sua bontà, sia per quello che implica. La tradizione vuole che questo biscotto fosse preparato dalle monache di clausura del Convento benedettino che sovrasta la città di Modica e fosse destinato ai sacerdoti per essere consumato immediatamente dopo la celebrazione della Messa. La ricetta l’ho trovata tra quelle di mia Nonna Amelia, nel suo famoso quadernetto, anche se non ricordo di averglieli mai visti preparare. Mentre ricordo benissimo di averli assaggiati da bambino proprio al convento benedettino quando con l’altra Nonna, quella paterna, si andava a trovare le sorelle di mio Nonno che erano, appunto, suore di clausura.

Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!

Ingredienti

Istruzioni

Print Recipe

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi