Report dell’evento

Redazione

brindisi collettivo

di Rossana Puccio.

Se qualcuno avesse avuto dubbi sulla convivialità del bere birra, sull’allegria contagiosa che scaturisce quasi naturalmente dalla condivisione dell’antichissima fresca bevanda, si è certamente ricreduto venerdì sera 2 marzo, quando i primi bicchieri da degustazione hanno cominciato a svuotarsi.

degustazione di birraUna vera e propria avventura del gusto, attraverso la storia e la geografia della tradizione della birra, arricchita dalla sapienza, l’esperienza e la passione della padrona di casa dell’Armagnac, il locale saccense che ha ospitato l’incontro della Compagnia del cibo sincero di Sciacca e che tratta più di duecento tipi diversi di birre.
Quanto è tristemente evidente la distanza tra i prodotti di consumo di massa, che sembrano assai brindisi a base di paulanersimili l’uno con l’altro e che rispondono ad esigenze di omogeneità, quantità e profitto, e il mondo variegato dell’artigiana produzione, che sollecita la ricerca e, oso dire con convinzione, il piacere!
Grazie alla capacità affabulatoria di Olga e alla sua professionalità, i convitati hanno apprezzato le caratteristiche e le differenze che materia prima, tostatura e lavorazione determinano in ogni birra prodotta. una tavolata durante la degustazioneInoltre gli abbinamenti tra le quattro proposte dalla Casa, la Rothaus Pils, la bionda classica della Foresta nera, con il brezzel e il lardo affumicato, la Rothaus Weiss, la birra di frumento, con i wurstel DOP tedeschi, la Weininger Festbier, rossa e secca, con il kebab, grande specialità della casa, la Trapple Dubbe, la trappista olandese, accompagnata da un particolare dolce alla birra, hanno fatto maturare una sorta di gradevolissima effervescenza, che ha coinvolto tutti i numerosi presenti.

E poiché un boccale tira l’altro, c’è chi comincia già a parlare di una prossima puntata a tema, magari ispirata ai cibi cucinati con la birra…

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi