Lo Spumante Classico Delle Colline Goriziane Con La Ccs Di Monfalcone

Adriana Angelieri

Ecco il resoconto dell’iniziativa

di Claudio Fabbro.

Un gruppo di amici, coinvolti a vario titolo nella redazione del portale web “Il Giornale del Cibo” appassionati della buona cucina e sempre sedotti dalla ricca socialità che si crea a tavola, ha fondato una Compagnia che – a livello nazionale – vuole promuovere un approccio razionale ai temi della gastronomia, della ristorazione, della produzione agroalimentare, dell’ambiente, delle tradizioni e delle identità locali.
Né fast, né slow: cercano e promuovono un cibo buono e conveniente. E questo cibo lo hanno chiamato “cibo sincero”.
Ne consegue che anche gli abbinamenti devono rispettare il filo logico, sia che si tratti di vini fermi che di spumanti.
nella cantina P.RizziAttenta all’evoluzione in atto in tale comparto non solo in area Prosecco ma anche nelle nostre colline la delegata regionale della Compagnia, la monfalconese Giuditta Lagonigro, insieme a vari esperti d’enogastronomia isontini, ha voluto conoscere più da vicino una delle realtà emergenti nel settore “classico”, cioè il corrispondente italiano dello Champagne francese.
Parliamo dell’azienda di Roman e Paolo Rizzi che a Gorizia, nel cuore del monte Calvario, produce dal 2006 un Brut ribattezzato “PIEdiMONT”, cuvèe di Pinot nero, Chardonnay e Ribolla gialla.
La delegazione si è soffermata a lungo fra le vigne e nelle cantine, dove le bottiglie riposano per anni prima di entrare in un mercato di alta fascia, insieme ai blasonati francesi ed ai nostri “Franciacorta” e “Talento”.
Davvero importante, secondo i partecipanti, il confronto fra la cuvèe 2006 e l’anteprima 2007 del PIEdiMONT Brut, che in questi giorni lascia quelle cantine sopra le quali si combatterono la battaglie dell’Isonzo per deliziare i palati più esigenti.

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *