Il tuo carrello rivela che mamma sei

Adriana Angelieri

E’ triste vedere i carrelli della spesa che vedo. Specialmente ora che è estate, letteralmentetraboccano di bottiglioni colorati con dentro le solite bevande gassate: cola, spuma, aranciata con poca arancia e molto dolcificante, vari discendenti della gazzosa eccetera. Di non gassato c’è il tè, ma è ugualmente dolce e ricco di caffeina, cosa che sembra non preoccupare nessuno. A spingere quei carrelli troppo spesso sono mamme con bambini al seguito. Ma non ci sarebbe certo bisogno della presenza dei bambini per capire che sono loro i destinatari di quel mezzo metro cubo di cibo spazzatura. Lo testimoniano i surgelati per l’infanzia: patatine, cordon-bleu e  bastoncini di pesce da friggere in olio di semi a basso punto di fumo, ovetti con il giochino dentro, maxi-confezioni di merendine, pizzette e gelati. Il tutto, fra l’altro, en plein air, senza l’ombra di una borsa termica, con la certezza di una catena del freddo interrotta.

E la frutta, che in estate è così abbondante, buona e farebbe tanto bene? Macché!  So benissimo che convincere un bambino a dissetarsi con una bella pesca anziché con un bicchiere di cola equivarrebbe a dare il la a una sinfonia di strilli.  Molto più comodo infilargli in bocca una cannuccia e fargli tracannare quello che vuole.
E se poi il bimbo ingrassa? Tutta salute!

Articolo di Martino Ragusa

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *