il-paniere-alimentare-della-mafia

Il paniere alimentare della mafia

Redazione

dun cesto di frutta con nascosti dei fucili

di Martino Ragusa

Non più solo droga. Ora le mafie spacciano anche carne, verdura, pesce, caffè, latte, frutta, acque minerali, mozzarelle, vino, olio e altri generi alimentari di prima e seconda necessità. Tutti cibi di provenienza illegale, ovviamente, utili a riciclare il denaro sporco delle mafie con quello pulitissimo dell’innocente consumatore che va a fare la spesa dal fruttivendolo trasformato in pusher, finanziando così le grandi associazioni a delinquere che infestano il nostro paese.
Il paniere alimentare delle mafie contiene le verdure coltivate in terreni pieni di rifiuti tossici, derrate trasportate nei Tir assieme a droga e armi, cibi contraffatti e sofisticati, prodotti agricoli ottenuti con lavoro nero e frodi sui finanziamenti pubblici italiani ed europei, carni provenienti dall’abigeato e dalla macellazione clandestina. Il tutto per un volume d’affari superiore a una manovra finanziaria: 14 miliardi nel 2013, ed è pure in crescita, con 100 milioni in più rispetto al 2011. Volendo ancora dare numeri, il valore complessivo delle agromafie sul territorio nazionale è di 50 miliardi con 4 regioni coinvolte: Lazio, Calabria, Campania e Sicilia. Ma il fenomeno è in espansione. Secondo un dossier di “Libera Informazione”, la mafia è già presente in Emilia Romagna dove è implicata con la produzione e spaccio di falsi dei tre prodotti simbolo della regione: Prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano e Aceto Balsamico di Modena.

 La società civile ha abbassato la guardia. Oggi è sempre più indifesa e a rischio di contaminazione soprattutto a causa  della disoccupazione provocata dalla crisi economica. A lanciare l’allarme è Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti, che ha realizzato uno studio in collaborazione con Ixè. I risultati danno due dati agghiaccianti: 60 % dei disoccupati accetterebbe di lavorare in azienda gestita dalle mafie, mentre il 67% di loro è convinto che in fondo la mafia crei occupazione.
Un anticorpo efficace, ora più che mai bisognoso di sostegno, è Libera Terra, costola di Libera, l’associazione creata da don Ciotti per combattere tutte le mafie.
In Libera Terra confluiscono nove cooperative che gestiscono centinaia di ettari di terreni sottratti alle mafie assieme ad aziende e varie risorse produttive. Le cooperative operano Sicilia, Puglia, Calabria e Campania e agiscono nel massimo rispetto della legalità e della qualità di vita delle persone che vi lavorano. Producono biologicamente legumi, olio d’oliva extravergine, miele, conserve dolci e salate, mozzarella di bufala, il limoncello e tanto altri prodotti tipici di questi territori.

Leggi: La pasta di Libera Terra

Se vuoi fare la spesa da Libera Terra, la bottega virtuale è qui

 

Redazione

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi