cucina-afrodisiaca

Cucina Afrodisiaca

Redazione

Per la scienza dell’alimentazione i cibi afrodisiaci non esistono. A sedano, peperoncino, frutti di mare, uccelli di tutti i tipi, parmigiano, testicoli di toro e piselli di cervo la biochimica nega ogni efficacia erotica. Al massimo concede che siano cibi particolarmente energetici. Ma che il surplus di energia vada proprio nelle zone interessate e non ad aumentare il ritmo d’oscillazione di una gamba accavallata non è dimostrato.
Siamo dunque costretti a separare il binomio tra cibo e sesso che fu maledetto persino da San Girolamo («L’appetito del cibo si accompagna sempre alla lascivia»)? No. A condizione che affrontiamo l’argomento dal punto di vista della psicologia, secondo la quale non sono le pietanze di un convito ad essere afrodisiache ma l’atmosfera ambientale di questo.
Eccovi una piccola guida a ciò che non è afrodisiaco e a ciò che invece lo è.

Non è afrodisiaco

Il caminetto finto, il sottofondo musicale di un cantautore del filone depressivo (esempio: Luca Carboni), il perfezionismo ansioso del padrone di casa, un convito a tre (eccezion fatta se il terzo è intrigante), il telefono che squilla continuamente, il vino bianco caldo, la Fanta a tavola.
Un invito a cena alle sette e mezzo accompagnato dalla raccomandazione: «Sii puntuale perché mi piace mangiare presto» e mettersi a lavare i piatti immediatamente dopo mangiato. Peggio ancora se ci si lascia aiutare. Sempre in tema di dopocena, è micidiale offrire tisane digestive, bicarbonato e citrosodina, fumare sigari (molti all’odore vomitano) e proporre superalcolici con l’insistenza tipica di chi sta puntando alla ciucca.
L’illuminazione centrale di un lampadario in stile, la tovaglia con le rondini del Mulino Bianco e la conversazione sui seguenti temi: recessione, questione morale, fidanzamenti e matrimoni precedenti, salute e affari. Con un’eccezione: se siete ricchi sfondati l’argomento «affari» può essere molto afrodisiaco. Perniciosissimo è l’argomento «mamma», non ne parliamo se questa compare in foto sui soprammobili o, peggio, se si trova in casa, in camera sua, che guarda la tv o dorme.

È afrodisiaco

Un invito alle ventuno, il caminetto vero, il telefono staccato, un pranzo già preparato nel pomeriggio e solo da scaldare che eviti andirivieni convulsi dalla tavola alla cucina.
La tovaglia ricamata, la coppia di bicchieri, uno per il vino e uno per l’acqua, la candela a centro tavola purché non sia a forma di coccinella o col bassorilievo del presepe. Molto afrodisiache quelle nere, ma promettono un dopocena di raffinatezza che bisogna essere in grado di mantenere.

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *