città vegane europa

La mappa delle città più vegane d’Europa (secondo Happy Cow)

Ivana De Innocentis

Da amante della cucina vegetariana e dei viaggi confesso di sognare, ogni tanto, a occhi aperti, un giro per l’Europa che includa i paesi con il più alto numero di vegetariani e vegani, quelli considerati più “vegan friendly”, nonché le città in cui si svolgono i più famosi eventi e festival cruelty free. Curiosando su Internet mi sono imbattuta in tanti articoli sulle “10 imperdibili mete per vegani e vegetariani” o le “capitali vegane del mondo o d’Europa”. Tanti nomi, tanti consigli, troppi possibili itinerari. Ma finalmente la famosa app “Happy Cow” è venuta in nostro aiuto. Ecco a voi la mappa delle città più vegane d’Europa!

La prima veggy mappa europea

vegan city

Ho avuto già il piacere di parlarvi di Happy Cow, sito e app tra i più famosi, uno strumento prezioso e indispensabile per i vegani e i vegetariani sparsi nel mondo. Happy Cow è infatti una delle migliori guide internazionali alla ristorazione vegana, vegetariana e vegan friendly. Non c’è viaggio che io non faccia, in Italia ma soprattutto all’estero, senza consultare indirizzi e indicazioni, il tutto in stile “Trip Advisor”. A ogni ristorante, locale o supermercato bio sono associate dettagliate informazioni, la tipologia e il numero di mucche/stelle, in base al giudizio dello staff sommato a quello degli utenti del sito.
Non avrei mai immaginato che qualcuno, pazientemente, potesse utilizzarlo anche come database per realizzare una mappa. L’idea è venuta a un ragazzo ceco di 27 anni, Jakub Marian, linguista e matematico, il quale ha raccolto ed elaborato le informazioni presenti nel sito per creare una mappa delle città più vegane d’Europa in base al numero di abitanti, pubblicandola sul suo blog.

Città vegan: tutti i dati

mappa

Fonte immagine: jakubmarian.com

Quello che è davvero interessante è la duplice utilità della mappa, che non solo evidenzia città e paesi maggiormente “vegan friendly” ma anche quelli che hanno al contrario un primato negativo. Tutte informazioni davvero preziose per i vegetariani e vegani che amano viaggiare. Ma analizziamo insieme un po’ di numeri e tendenze.
Per essere precisi va detto che la mappa indica il numero di ristoranti vegetariani per 1 milione di abitanti. Va inoltre precisato che il numero può essere impreciso per i paesi piccoli. Ad esempio, secondo HappyCow, c’è solo un ristorante vegetariano in Andorra, ma dal momento che ha solo circa 80.000 abitanti, la cifra riportata è di “12.6 ristoranti vegetariani per 1 milione di abitanti”.

Città vegane d’Europa: chi sale e chi scende

città vegan

Partiamo dai risultati positivi. La top5 dei paesi maggiormente vegan friendly, perlopiù situati nel nord Europa, vende in testa l’Islanda, con ben 24,8 ristoranti veg-friendly ogni milione di abitanti, seguita da Austria (13,8), Repubblica Ceca (13,7), Svezia (11,1) e Regno Unito (11,3). In generale, i paesi nordici presentano tutti dati decisamente positivi. A seguire anche la Germania (9,5) la cui capitale, Berlino, è da tanto stata eletta la città più vegan-friendly d’Europa.
Il numero dei ristoranti vegan friendly in Italia delude un po’, 6,4, ma si pone comunque in una posizione intermedia se valutiamo la situazione generale europea.
I numeri precipitano decisamente spostandoci verso l’Europa Occidentale, basti osservare la Russia con i suoi 0,8 e la Bielorussia con solo 0,4.

Insomma, con la cartina in una mano e l’app della guida HappyCow nell’altra, non ci resta che programmare i nostri prossimi viaggi in una delle città vegane d’Europa, alla scoperta di nuovi paesi e di tante specialità vegetariane e vegane, o delle loro alternative cruelty free.
Prima di partire non dimenticate di prenotare il vostro hotel o appartamento vegan-friendly e di leggere i miei 6 consigli per vacanze vegan senza sorprese.
Voi quale meta vegan friendly sognate di visitare? E quale ci consigliate?

Ivana De Innocentis

E'Nata,vive e lavora a Roma. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Food 2.0Il suo piatto preferito sono le fettuccine ai funghi porcini o un classico abbinamento pizza & birra. Alla domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "spezie, verdure e creatività".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi