Ecco un dilemma banale ma che può mettere in crisi. Sei un ferrarese che deve comprare un po’ di teste d’aglio. Al supermercato trovi l’aglio di Voghiera DOP – quindi un prodotto del territorio, di qualità, ma non biologico – e un aglio proveniente dal Portogallo ma biologico. Costano uguali, quale compri?

Compro l’aglio di Voghiera Dop non biologico: 93%

Compro l’aglio portoghese biologoico 8%

Voti totali: 80

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Giuliano Gallini

Direttore marketing strategico di CIR food, vive a Padova e lavora tra Reggio Emilia e molte altre città italiane dove CIR ha le sue cucine. Ama leggere e crede profondamente nel valore della cultura. In cucina non può mancare un buon bicchiere di vino per tirarsi su quando sì sbaglia (cosa che, afferma, a lui succede spesso).

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata