Taleggio

Taleggio D.O.P.: una bontà che stupisce ad ogni morso

Redazione

Profumo intenso, con aromi di frutta secca, nocciole e persino tartufo. Di cosa stiamo parlando? Del taleggio, naturalmente. Ma non di un taleggio qualsiasi, bensì del Taleggio D.O.P. Un gusto intenso e un sapore inimitabile che derivano dal caratteristico microclima, creato dalle correnti di aria boschiva e dalla presenza di una microflora naturale sviluppatasi nel tempo.  Ma anche da un processo di salatura, in alcuni casi  fatto ancora a mano, durante il quale le forme vengono girate e lavate periodicamente, per tutto il periodo di stagionatura.

Dettagli che ancora oggi fanno la differenza…

 

Taleggio D.O.P. Cademartori: quando il formaggio racconta il territorio

Quando si parla di un D.O.P., più che di un formaggio si racconta la storia di un territorio. Una storia che alcune aziende sono ancora in grado di raccontare con tecniche di lavorazione consolidate e la stessa dedizione tramandata da generazioni.

Il Taleggio D.O.P Cademartori è uno di questi fortunati esempi: viene prodotto ancora oggi come un tempo, con un fermento lattico dedicato, e stagionato all’interno delle grotte naturali dello storico stabilimento di Introbio, nel cuore della Valsassina, in Lombardia.

Taleggio Cademartori DOP

Come dicevamo,  è un formaggio a Denominazione d’origine Protetta (D.O.P.) e, come da disciplinare, può essere prodotto e stagionato unicamente in alcune zone della Lombardia, Piemonte e Veneto. Quale luogo migliore dunque della Valsassina, un ambiente incontaminato ricco di fitti boschi e racchiuso in un incavo di terra ai piedi del massiccio montuoso delle Grigne!

 

Le sfumature di sapore del Taleggio D.O.P. Cademartori

Il suo gusto tipico e leggermente aromatico, può presentare delle differenze a seconda del periodo di stagionatura: un taleggio giovane esprimerà tutta la sua dolcezza e delicatezza, mentre uno più maturo avrà un sapore più deciso e pungente.

Per mantenere inalterate le straordinarie proprietà di questo gustoso formaggio, è bene conservarlo in frigorifero avvolto con un telo umido traspirante, per fare in modo che la crosta rimanga morbida e il formaggio non perda la tipica consistenza.

La sua straordinaria versatilità in cucina lo rende adatto ad essere consumato da solo, magari abbinato alla frutta fresca, al miele, alle confetture, oppure utilizzato come ingrediente speciale in tantissime ricette. Per provare i migliori abbinamenti e le ricette più gustose visitate www.cademartori.it.

Redazionale a cura di Cademartori

 

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi