Antipasti

Frittura di schille (e’ skell)

gallonero
  • Difficoltà: 1
  • Costo: 1
  • Preparazione: 1
  • Dosi: 4

Le schille è il nome che in Romagna viene dato a quei gamberetti piccolissimi e trasparenti(Palaemon serratus) o più comunemente gamberetto delle rocce, che nel periodo più caldo dell’estate si radunano alla superfice del mare lungo le scogliere, formando delle vere e proprie fiumane. Si cucinano fritti e, si mangiano intere con guscio e tutto. E, vi assicuro che dopo l’unica difficoltà è smettere di mangiarle, infatti sono come le ciliegie, non si smetterebbe mai. Però attenzione, perchè il guscio sia friabilissimo e la polpa non si squagli in cottura c’è un segreto nella preparazione e, fino a che non me l’hanno rivelato, mi riusciva delle fritture di gusci gommosi e niente più.

Voti: 2
Valutazione: 3
You:
Rate this recipe!

Ingredienti

Istruzioni

Print Recipe

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi