Reducetariani

I Vegetariani hanno perso? Reducetariani, avanti tutta…

Deborah Ascolese

Pensate di sapere tutto, ma proprio tutto sui nuovi stili alimentari come vegetarianismo e veganismo? E, invece, c’è forse una nuova tendenza di cui non sapete nulla (o quasi): si chiamano reducetariani e, come si può desumere dal termine, la loro filosofia di vita si basa sulla riduzione della carne.

Dato che, ormai, non ci lasciamo sfuggire nulla sui nuovi modelli alimentari, vediamo di approfondire anche le dinamiche dello stile di vita reducetariano.

consumo-di-verdure

Reducetariani: la nuova frontiera dell’alimentazione senza carne

Perché abolire la carne, quando basta semplicemente ridurne in consumo? Pare essere questo il messaggio principale dei Reducetariani, il nuovo movimento alimentare fondato da Brian Kateman, ricercatore del dipartimento di Ecologia e biologia ambientale dell’americana Columbia University.

Secondo Kateman, intraprendere un’alimentazione povera di carne, oltre a influire sul benessere dell’organismo, rappresenterebbe una vera e propria scelta etica, avversa allo sfruttamento degli animali e a favore dell’ambiente.
Si stima, infatti, che circa il 20% della produzione di CO2 derivi dal consumo di carne.

 

Ma come si diventa Reducetariani?

Stando alle informazioni sul Reducetarian blog, diventare reducetariano è molto più semplice che intraprendere la strada del vegetarianismo (basti pensare che l’84% dei vegetariani, prima o poi, ritorna sui propri passi!). I passaggi principali per iniziare il percorso reducetariano sono:

  • Munirsi di grande impegno e cercare di ridurre il consumo di carne per 30 giorni. Se siete davvero convinti di compiere questo importante passo, la community dei Reducetariani consiglia di seguire alcune strategie, tra cui:
  • Evitare di mangiare carne a cena se la si è mangiata già a pranzo
  • Battezzare una giornata nella quale non si mangerà carne. Un Meatless monday, per esempio!
  • Mangiare carne solo durante il week-end
  • Convincere altri amici a diventare reducetariani
  • Frequentare ristoranti vegani o vegetariani
  • Seguire la community dei reducetariani sui principali social network
  • Condividere le foto dei propri piatti senza carne con l’ hashtag #lessmeat e il tag @reducetarianDieta alimentare reducetariana

E voi, che ne pensate? Lo stile alimentare dei Reducetariani vi convince di più rispetto a quello di Vegetariani o Vegani? Lasciateci un commento!

 

Deborah Ascolese

Nata a Napoli vive e lavora a Bologna. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Curiosità. Il suo piatto preferito sono gli spaghetti al pomodoro fresco perché le cose semplici sono spesso le migliori. A domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "qualcuno che cucini per me".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *