piatti vegani

Scoprire il mondo attraverso 10 ricette vegane

Ivana De Innocentis

La conoscenza diretta, scevra da opinioni e preconcetti dettati dall’esterno, è il modo più puro per entrare nel vivo delle cose, e il viaggio, sia inteso come pratica spirituale che fisica, si pone da sempre tra le principali esperienze nella vita dell’uomo. Oggi viaggiare è diventata una pratica alla portata di tutti, e la sempre più opprimente globalizzazione lo ha reso meno significativo.
Io amo viaggiare, ovviamente con piena consapevolezza, impregnandomi il più possibile di colori, odori, emozioni e quant’altro. Una delle cose fondamentali per vivere a pieno questa avventura è lasciare “a casa” buona parte di me stessa, e iniziare il viaggio come un individuo nuovo, pronto a farsi rapire dalle bellezze che andrà a visitare.

Come vi ho già detto in altri articoli, precisamente nell’articolo in cui vi parlo di vacanze vegan e vegetariane, il cibo è una delle questioni più annose per chi ama viaggiare e trovo tolga magia e poesia all’avventura rimpiangere a priori o preoccuparsi di ciò che si andrà a mangiare. Generalmente prediligo paesi in cui vegani e vegetariani possano godersi la vacanza, ma posso assicurarvi, e di posti ne ho girati parecchi, che è veramente difficile non incappare in deliziose, tipici piatti vegani, e così ho stilato una prima lista di piatti, a mio avviso veramente interessanti e imperdibili.

Viaggio virtuale alla scoperta di 10 piatti vegani cruelty free

Moussaka con ceci e melanzane

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Fonte immagine Onegreenplanet.org

La Moussaka è un piatto multistrato tradizionale greco spesso farcito con carne e formaggio. In questo caso utilizzeremo ceci e melanzane, il tutto condito dal fresco sapore del pomodoro e dai meravigliosi tesori mediterranei, olio extra vergine di oliva, piante aromatiche e quant’altro. Rigorosamente cotto in forno, vi colpirà sia per i valori nutrizionali che per il gusto.

Il pasticcio ungherese Turos csusza

hungarian-mac-and-cheese

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Il Turos csuszam è una ricetta tradizionale ungherese. La ricetta originale è costituito da pasta fatta con una salsa di formaggio quark, panna acida, e pancetta. La versione vegetariana sostituisce la carne con qualsiasi tipo di pancetta vegan, come il tempeh o la pancetta di tofu. Quella vegana sostituisce inoltre il formaggio quark con purè di tofu e crema di formaggio vegan e la panna acida con la versione vegan. È goloso e facilissimo da preparare, meglio servito con sale e abbondante pepe nero.

Ethiopian Sweet Potato Burger

ethiopian-sweet-potato-burger-c-1200x750

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Questi hamburger di patate dolci, tipici della cucina etiope, sono qualcosa di speciale. Sono fatti da polpette deliziosamente speziati con l’aggiunta di niter kibbeh, noto anche come il burro etiope, che aromatizzato con zenzero, aglio, chiodi di garofano, cannella, cardamomo, coriandolo, paprika, pepe di Caienna tesse la sua magia e riempirà la vostra cucina con un aroma ipnotico.

Ramen al curry verde thailandese con Tofu

thai-green-curry-tofu-ramen-with-kimchi

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Questo delizioso Ramen è fatto con solo sei ingredienti e di tre semplici passaggi. Si tratta di una ciotola piena di sapore e dalla consistenza sorprendente. Con cavolo rosso, kimchi, tofu marinato e cremosa salsa al curry verde tailandese, è un pasto semplice che può essere preparato in poco tempo. E’ sapido, croccante, saporito, soddisfacente, colorato, facile, in poche parole delizioso.

Schnitzel Burger

schnitzel-burger

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Lo Schnitzel è un sottile cotoletta impanata che di solito è di vitello che è un piatto popolare in Austria e in molti altri paesi. In questo Schnitzel Burger, la schnitzel è sostituito da un altrettanto sottile cotoletta di seitan e poi stratificata con maionese vegan o no, rucola, cipolla rossa, e un sacco di rafano tra due panini morbidi, rigorosamente pretzel!

Roti Jala

roti-jala-malaysian-lace-pancakes

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Roti Jala si può tradurre in pane-rete, è uno snack malese a base di curry, molto popolare e servito come aperitivo. La ricetta tradizionale prevede uova nella pastella ma possono tranquillamente essere sostituite da alghe e basi aggreganti proteiche vegetali.

Jerk potatoes dolci alla caraibica

caribbean-jerk-sweet-potato-falafel

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Questi falafel caraibici a base di patate dolci possono essere di ispirazione per una cenetta perfetta. In sostanza, sono come le frittelle di hummus fritte speziate, ma come ingrediente principale adottano invece le patata dolci. Servite questi falafel croccanti in una pita con le vostre verdure preferite.

Polpette all’italiana con puré di cavolfiore

italian-meatballs-with-cauliflower-mash

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Si tratta di una deliziosa ricetta delle classiche polpette all’italiana, in chiave vegana, servite con un purè di cavolfiore. La cosa straordinaria è che una volta imparate le basi di questa ricetta, la si potrà adattare alle più disparate combinazioni di ingredienti.

M’hencha: torta di spinaci alla marocchina con Feta e mandorle

mhencha-moroccan-spinach-and-almond-feta-hand-pies-1200x750

Fonte immagine Onegreenplanet.org

M’hencha in arabo significa “a spirale come un serpente”, sono dolci della tradizione marocchina che possono essere realizzate in versione dolce o salata. Sono farciti con un ripieno di ispirazione greca a base di spinaci, feta e mandorle tostate. Sono incredibilmente facili da fare e può essere servita calda o fredda.

Pane Pita

israeli-pita-bread

Fonte immagine Onegreenplanet.org

Per fare un panino falafel veramente autentico, il pane pita è di rigore! Questa piccola tasca rotonda è stato utilizzato in Medio Oriente per oltre 4.000 anni, e per una buona ragione! E’ soffice, deliziosa, e versatile. Prova questo pane Pita con i tuoi falafel, le verdure preferite, o anche solo farcito da hummus in abbondanza!

Posso assicurarvi che, consumati sul posto, questi piatti assumono un significato quasi mistico, ma è anche possibile viaggiare in giro per il mondo attraverso la fantasia e attraverso la rivisitazione vegetariana e vegana di piatti internazionali.
Se interessati e se ne avete la possibilità vi suggerisco inoltre di fare un tour alla scoperta dei più importanti festival vegani vegetariani.

Ivana De Innocentis

E'Nata,vive e lavora a Roma. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Food 2.0Il suo piatto preferito sono le fettuccine ai funghi porcini o un classico abbinamento pizza & birra. Alla domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "spezie, verdure e creatività".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi