il discorso del cibo

Cibo e cultura, un legame indissolubile

Giuliano Gallini
2

Giuliano Gallini

Indice

     

    Spesso nei miei interventi parlo di cultura, di libri, di lettori, di biblioteche. Che cosa c’entrano con il cibo? Come i cavoli a merenda? No, se si pensa che il cibo è cultura. È una delle maggiori fonti di identità di un popolo, insieme alla lingua. La sua produzione è un atto culturale complesso perché coinvolge esperienza, creatività, disponibilità, impegno, comunicazione; è un atto di cura, perché attraverso il cibo aiutiamo i bambini a crescere e gli adulti a vivere in modo sano;  il cibo è piacere; l’agricoltura di qualità difende il paesaggio e gli equilibri ambientali. Il discorso del cibo è uno dei principali discorsi dell’umanità, che non si riduce alla elaborazione di una ricetta, più o meno spettacolare. Attorno al cibo, lo sappiamo bene, nascono spesso amicizie, amori e racconti. Ulisse racconta ai Feaci il suo viaggio e la propria nostalgia per Itaca durante un banchetto.
    Il discorso del cibo è il discorso della vita.

    Il discorso del cibo: perché il cibo è cultura?

    “La grande abbuffata” di Marco Ferreri ne è un buon esempio: il cibo entra nelle interpretazioni degli attori, nel senso della loro disfatta esistenziale, nei ritagli di puro piacere. Guardando questo film capisco il cibo e capisco la vita. Se leggo un romanzo di Hrabal dove per alcune pagine mi parla di luppolo e birra, infatti, non è che le altre cento pagine dove non mi parla di luppolo e birra non c’entrino niente con il cibo: il cibo continua a stare lì dietro, fonte primaria di vita, salute e piacere. L’ultimo numero di RFood si apre con un lungo omaggio a Mastroianni, e al cinema di Malle, di Scola, di Camerini. Arte cinematografica e cibo.

    Quando ho imparato a sciare il maestro per tante lezioni mi ha insegnato delle tecniche che apparentemente avevano poco a che fare con lo sci. E infatti per un mese non miglioravo, cadevo subito: e disperavo, anche delle capacità del maestro. Poi, come per incanto, improvvisamente mi sono mosso, sono sceso di parecchi metri, ho fatto una curva impeccabile e sono rimasto in piedi.

    Sicuri che una mostra di Kandinsky non c’entri nulla con il cibo? Che non ci aiuti a realizzare bene una ricetta? A inventarne una nuova? Per questo scrivo spesso di cultura su “Il Giornale del Cibo”: perché, anche se non esplicito sempre la connessione con il cibo, la connessione c’è sempre.

    Giuliano Gallini

    Direttore marketing strategico di CIR food, vive a Padova e lavora tra Reggio Emilia e molte altre città italiane dove CIR ha le sue cucine. Ama leggere e crede profondamente nel valore della cultura. In cucina non può mancare un buon bicchiere di vino per tirarsi su quando sì sbaglia (cosa che, afferma, a lui succede spesso).

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi