fast food del futuro

Nuove frontiere del fast food: cannoni spara-cibo?

Ivana De Innocentis

In cucina, come nella vita, i ritmi sono sempre più frenetici. Si utilizzano utensili da cucina sempre più complessi e sempre più sostitutivi del lavoro manuale, si pensi al famoso Bimbi che consente di realizzare piatti davvero elaborati con il minimo sforzo.

Si ricorre a ricette veloci, addirittura scandite sulle copertine dei ricettari da tempi sorprendentemente brevi di elaborazione e di cottura. Si cercano app e piattaforme tecnologiche che elaborino ricette in base agli ingredienti che abbiamo in dispensa e in frigorifero, risparmiando così, tristemente, non solo tempo ma anche la fatica del processo creativo.

E non stupisce, infine, che i trend dei fast food e dello street food incontrino sempre più consensi, prendano nuove direzioni, si espandano sia come presenza sul territorio che come proposte culinarie.

Immaginate se con un unico strumento potessimo preparare un piatto di pesce, elaborato e cotto a puntino con ingredienti di qualità, in 3 secondi netti. Ebbene, il sogno potrebbe non essere così difficile da realizzare.

Il cannone spara-cibo

In questa corsa contro il tempo e tra i fornelli l’idea più rapida e allo stesso tempo più pazza potrebbe essere un vero e proprio cannone spara cibo. Mi riferisco alla possibile evoluzione di una sorprendente invenzione di quest’anno e di cui in Italia si è parlato davvero poco, ovvero il seafood cannonball: in grado di sparare trote e salmoni, in alto, oltre le dighe elettriche che ne ostacolano la migrazione.

É di poco tempo fa infatti uno spot giapponese di un noto gestore telefonico che ha come protagonista una macchina spara-pesce, in grado appunto di impanare, friggere e servire un piatto di tempura di gamberi. Il tutto ovviamente per dimostrare l’incredibile velocità del servizio telefonico offerto.

 

Il video lascia senza parole, eccetto una inevitabile domanda: e se la nuova frontiera del fast food fossero davvero cannoni spara-cibo?

 

Ivana De Innocentis

E'Nata,vive e lavora a Roma. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Food 2.0Il suo piatto preferito sono le fettuccine ai funghi porcini o un classico abbinamento pizza & birra. Alla domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "spezie, verdure e creatività".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi