Vinitaly 2015

Le nuove frontiere del vino: Vinitaly è proprio fiera!

Francesca Bono

L’edizione Vinitaly 2015 si è chiusa ieri con forte entusiasmo sia da parte degli organizzatori, che da parte di espositori e visitatori.

Nuove frontiere: Far East e Africa

Come si legge nel comunicato stampa di chiusura, quest’anno gli operatori professionali provenivano da 140 Paesi, ben 20 in più rispetto al 2014.
In totale i visitatori sono stati circa 150mila, con più presenze dal Far East, in particolare Thailandia, Vietnam, Singapore, Malesia. Più alto anche il numero di visitatori da Messico e Africa, con new entry interessanti come Camerun e Mozambico. Bene pure il Nord Africa, con la ripresa di Egitto, Tunisia e Marocco.

 Vinitaly edizione 2015

«I grandi mercati di Usa e Canada da soli rappresentano il 20% degli oltre 55mila visitatori esteri. L’area di lingua tedesca, con Germania, Svizzera e Austria, si conferma la più importante con il 25% delle presenze, mentre il Regno Unito è al terzo posto con il 10%; seguono in termini numerici i buyer dei Paesi Scandinavi e quelli del Benelux» ha detto Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere.

Anche il futuro del vino è nella sostenibilità

Nel ricco calendario di convegni, tra export, marketing, sfide globali e 2.0, spiccano diversi incontri sulla sostenibilità e biodiversità, per interrogarsi sull’importanza che la biodiversità del suolo ha sulla qualità del vino e per capire come sostenere e certificare l’importante lavoro di molte aziende.

sommelier a Vinitaly

Vini biologici, naturali, artigianali

In questa edizione, sono state predisposte da Veronafiere aree speciali, completamente dedicate a vini biologici, naturali e artigianali. Una realtà in crescita che piace molto ai consumatori e che non può non essere valorizzata.

Come riportato in questo comunicato, i vini biologici rappresentano in Italia – primo produttore europeo – ormai l‘11% della superficie vitata e una produzione potenziale di 5 milioni di quintali di uva da vino, con un peso di oltre il 7% sul totale nazionale.

Numeri piccolissimi, ma pure in aumento, invece, per i vini naturali, che rappresentano un mondo difficile da circoscrivere. Secondo l’unica rilevazione scientifica disponibile realizzata da Servabo, i vini naturali rappresentano l’1,64% della superficie vitata nazionale e lo 0,74% della produzione enologica, cioè una quantità di vino più di 2 volte inferiore rispetto ai vini prodotti con metodo convenzionale.

Se non siete riusciti a visitare Vinitaly 2015, non disperate! A maggio potrete degustare direttamente sul territorio i nostri vini con l’evento enoturistico Cantine aperte.

 

Francesca Bono

Nata a Bologna dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo segue le rubriche Tra frigo e dispensaMercato e Trend. Il suo piatto preferito sono gli gnocchi di patate con sugo di pomodoro e funghi perché adoro gli gnocchi che mi ricordano tanto mia nonna. In cucina non può mancare: l'ordine perché se non è tutto a posto non posso cominciare a risporcare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi