cantucci

Cantucci

Adriana Angelieri


di Martino Ragusa.

I cantucci o biscottini di Prato hanno storia assai remota: si pensa che la ricetta risalga al glorioso tempo dei Medici, che a loro volta l’avrebbero recepita dai pasticceri al seguito di Isabella d’Este, di passaggio per Roma.
Croccanti e dorati, devono queste caratteristiche ad un impasto a base di farina, uova, zucchero, mandorle intere e pinoli e sono ottenuti tagliando trasversalmente dei filoncini ancora caldi spennellati con uovo sbattuto. Ideali, perciò, da consumare con il famosissimo Vin Santo, prodotto caratteristico sempre di queste zone.
Oggi la produzione dei cantucci è diffusa in tutta la regione Toscana, anche se rimango una storica prerogativa della città di Prato.
Guarda la ricetta dei Cantucci.

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *