Superstizioni a tavola

Non solo Sale: superstizioni in tavola per ogni Paese!

Deborah Ascolese

Dite la verità: tutte le volte che, in cucina, vi cade un po’ di sale, non potete fare a meno di lanciarvene un pizzico dietro le spalle, vero? Si, sì, lo so che non credete nelle superstizioni. Però, metti che poi qualcosa di vero ci sia, meglio star sicuri, no?

Anche perché, ve lo assicuro, di superstizioni legate al cibo ne esistono davvero tantissime. E cambiano a seconda del paese di origine, ovviamente. Volete conoscerle tutte?

Allora dovete continuare a leggere questo articolo, perché oggi parliamo delle Superstizioni a Tavola, in giro per il mondo!

 

Superstizioni a Tavola: una per ogni paese!

 

Piatto troppo salato? Non sempre è un male…

Il sale è il protagonista di moltissime Superstizioni a Tavola. La più famosa è quella che vi ho accennato prima. Rovesciare il sale è, infatti, considerato come un gesto di cattivo auspicio. E’ per questo che tra le varie usanze troviamo anche quella di non passare mai la saliera sollevandola, proprio per evitare che possa cadere! Ma, nel caso questo dovesse succedere, niente paura: lanciare un pizzico di sale dietro la spalla sinistra, vi aiuterà a scongiurare ogni sciagura. Perché? Ovviamente perché il sale è da sempre considerato un elemento prezioso e dotato di poteri magici, tra cui anche quello di protezione nei confronti del Diavolo, al quale, come è risaputo, è legato il lato sinistro del corpo!

 

Sale a tavola

 

Ma non finisce qui: secondo una credenza russa, se una donna utilizza molto sale in cucina vuol dire che è innamorata. Per tale ragione si è diffusa l’abitudine, da parte delle neo-spose russe, di salare abbondamentente i piatti dei propri suoceri, così da confermare il loro amore per il marito.

 

Con le Banane non si naviga!

Una superstizione inglese vuole che le banane siano proibite a bordo di una nave, in quanto di cattivo auspicio. Questa particolare credenza pare sia associata ad un vecchio episodio, secondo il quale un intero equipaggio sarebbe stato sterminato da un batterio trasportato proprio tramite un carico di banane!

 

La matematica non è un’opinione…nemmeno a tavola!

 

Numero dispari a tavola

 

Vi abbiamo già parlato delle Regole del Galateo nel Mondo, è vero. Però questo ci era sfuggito: se andrete in Cina ricordate di chiedere sempre un numero di portate pari a quello dei commensali, per non andare incontro a cattivi presagi.
Una situazione simile si ritrova anche in Repubblica Ceca, dove durante la cena di Natale bisogna stare attenti ad avere un numero di ospiti pari!

 

Non solo Lenticchie per Capodanno!

Uva a capodanno

 

 

In Italia pensiamo che siano le Lenticchie a portarci fortuna durante la notte di Capodanno. Al contrario in Sud America, a segnare l’inizio di un anno ricco e fortunato, sono i chicchi d’uva. Mangiare 12 chicchi d’uva dopo la mezzanotte del 31 dicembre, regala buona sorte per ognuno dei 12 mesi dell’anno!

 

Rovesciare il pane? Giammai!

 

Credenze popolari a tavola

 

Quante volte avete sentito i vostri nonni dirvi di non mettere in tavola il pane capovolto? Bene, oggi vi spiego l’origine di questa superstizione. Pare che tutto ebbe inizio in Francia quando Carlo VII decise che i boia dovessero essere pagati in pane. A quel punto i panettieri, per distinguere il pane a loro riservato, da quello messo in vendita, cominciarono a disporlo sul bancone capovolto. Quando, poi, l’editto fu adottato anche a Torino, ecco che in Italia iniziò a diffondersi l’idea che il pane rovesciato fosse di cattivo auspicio.

 

Le Superstizioni a Tavola sono davvero tantissime e ricordarle tutte sarebbe impossibile. Dateci una mano: voi quali conoscete? Raccontatecelo in un commento!

 

Deborah Ascolese

Nata a Napoli vive e lavora a Bologna. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Curiosità. Il suo piatto preferito sono gli spaghetti al pomodoro fresco perché le cose semplici sono spesso le migliori. A domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "qualcuno che cucini per me".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi