Seitan negimaki

Negimaki: la ricetta vegan del roll giapponese e due salse

Carmela Kia Giambrone
2

     

    Abbiamo imparato ad apprezzare moltissimi cibi provenienti dalla cucina nipponica, dal sushi nella sua versione vegan friendly al koji fino al miso. Allora oggi possiamo scoprire il Negimaki, un piatto tradizionale realizzato a partire da carne di manzo grigliata e marinata in una particolare salsa e accompagnate da erba cipollina o scalogno. Ovviamente, noi vi proponiamo la ricetta nella sua versione vegan friendly: il Seitan Negimaki, gustoso e saporito ma 100% vegetale.

    Il trucco di questa ricetta tanto amata è certamente la preparazione delle due salse che rendono unico questo piatto: la salsa hoisin e la salsa Mirin. Ecco perché partiremo innanzitutto da queste due preparazioni.

    Salsa Mirin: la ricetta

    Una salsa dal sapore forte e agrodolce, indispensabile per la nostra ricetta ma perfetta anche su verdure e cereali. Il Mirin è un liquore molto simile al sakè, ma con una gradazione alcolica inferiore: è un ingrediente molto importante nella cucina giapponese, usato spesso nella preparazione di salse a base di soia.

    Trovare il mirin non è semplicissimo, ecco perché in questo caso l’acquisto online è forse preferibile.

    Mirin

    kai keisuke/shutterstock.com

    Ingredienti

    • 1 spicchio d’aglio schiacciato
    • 1 cucchiaino di farina di mais
    • 1 cucchiaio di zucchero di canna mascobado
    • 1 cucchiaio di olio di semi di sesamo
    • 2 cucchiai di mirin (o sakè)
    • 2 cucchiai di tamari

    Procedimento

    1. Ponete gli ingredienti in un bicchiere da frullatore a immersione e frullate fino a ottenere una salsa senza grumi.
    2. Riscaldate una padella antiaderente e aggiungete la salsa così ottenuta.
    3. Portate a ebollizione dolcemente, quindi con un cucchiaio di legno mescolate fino a quando la consistenza non diverrà più densa ma sempre comunque cremosa.
    4. Spegnete il fuoco e procedete a realizzare la seconda salsa.

    La ricetta della salsa Hoisin

    Una salsa sempre agrodolce ma leggermente piccante, utile nella ricetta del Seitan Negimaki ma anche in piatti di verdure e legumi. La salsa Hoisin viene spesso etichettata come una salsa dal sapore importante, come la salsa barbecue occidentale, ed ecco perché alle volte viene definita la “salsa barbecue cinese”: è infatti una preparazione tipica della cucina tradizionale cinese, molto usata per accompagnare fritture e come ingrediente base in molte marinate di carne e verdure.

    Salsa Hoisin

    pinachikurin/shutterstock.com

    Ingredienti

    • 4 cucchiai di shoyu
    • 2 cucchiai di burro di arachidi
    • 1 cucchiaio di zucchero di canna mascobado
    • 1 cucchiaio di aceto di riso
    • 1 spicchio d’aglio schiacciato
    • 1 cucchiaio di olio di semi di sesamo
    • q.b. di pepe nero macinato fresco

    Procedimento

    1. Ponete gli ingredienti in un bicchiere da frullatore a immersione e frullate fino a ottenere una salsa senza grumi e liscia, quindi mettetela da parte.
    2. Ora potrete procedere alla preparazione del Seitan Negimaki.

    Come realizzare il Seitan Negimaki: la ricetta

    Degli involtini di glutine di frumento, proteici e molto saporiti, perfetti come secondo o come piatto unico se accompagnati da riso e verdure fresche. Sperimentate la ricetta inserendo le salse piccanti oppure tralasciandole. Naturalmente il seitan, l’ingrediente principale del piatto, sarebbe meglio realizzarlo da sé piuttosto che acquistarlo: per chi volesse quindi cimentarsi, può farlo seguendo tutti i passaggi spiegati dalla dottoressa Evangelisti nell’articolo dedicato alle proprietà del seitan.

    Seitan fette

    Sharaf Maksumov/shutterstock.com

    Ingredienti

    • seitan (preferibilmente fatto in casa)
    • 1/2 tazza di salsa hoisin
    • 1/2 tazza di salsa mirin
    • 1 cucchiaino di olio di sesamo
    • 2 mazzi di erba cipollina
    • q.b di semi di sesamo tostati (opzionale)
    • q.b di salsa Worcester (opzionale)

    Procedimento

    1. Innanzitutto unite le salse precedentemente preparate per formare la marinatura in una ciotola ampia e bassa.
    2. Affettate il seitan fino a ottenere circa una decina di fette.
    3. Immergete quindi le fette di seitan nella marinatura per un paio d’ore coprendo con un piatto piano rovesciato.
    4. Trascorso questo tempo, procedete a realizzare i roll su di un’asse di legno pulito. In una fetta di seitan marinato, ponete un piccolo fascio di erba cipollina facendola leggermente fuoriuscire dalle estremità dell’involtino.
    5. Arrotolate il seitan attorno all’erba cipollina e fissatelo con uno stuzzicadenti.
    6. Procedete in questo modo fino a terminare tutte le fette di seitan.
    7. Ora grigliate il seitan su una griglia in ghisa leggermente unta con olio di sesamo.
    8. Fate cuocere per alcuni minuti rigirando i roll su entrambi i lati.
    9. Al termine della cottura, ponete i vostri Seitan Negimaki su un piatto da portata e decorate con qualche cucchiaio di marinatura, qualche goccia di salsa Worchester (se vi piace il piccante!) e semi di sesamo tostati. Accompagnate con insalata verde freschissima e gustate!

     

    Come abbiamo visto quindi questo piatto tipico della tradizionale cucina giapponese può essere facilmente realizzato anche con alimenti 100% vegetali senza rinunciare né al gusto né alla complessità di sapori. Se amate i cibi piccanti provate al posto della salsa Worchester la salsa piccante Sriracha per dare quel quid in più al vostro Seitan Negimaki.

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *