Involtini di pesce spada alla siracusana

peppe57
Ho trovato questa ricetta sfogliando una rivista di viaggi mentre ero in attesa dal dentista. Non visto, ho strappato la pagina (lo so che non si fa!), anche perchè sulla rivista c'era scritto che era una ricetta siciliana. In effetti somiglia un po' alle comuni ricette degli involtini di pesce spada, ma con qualche variante. Allora ho cercato nei testi sacri ed ho scoperto che - oltre agli involtini di pesce spada alla palermitana, alla messinese ed alla catanese (simili l'una con l'altra ma con leggere varianti) - esiste una variante alla siracusana: questa!
3.77 da 26 voti
Preparazione 2 h
Tempo totale 2 h
Portata Pesce
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Istruzioni
 

  • Dal vostro pescivendolo di fiducia fatevi spellare e tagliare il pesce spada a fette molto sottili poco più che per un carpaccio di pesce spada. Tornati a casa, lavate bene le fette di pesce ed asciugatele delicatamente con un canovaccio da cucina.
  • Immediatamente dopo stendete le fette di pesce spada in un contenitore abbastanza largo (io ho usato le teglie monouso di alluminio che vanno benissimo) e conditele con sale, pepe ed un filo di olio. Lasciatele a marinare il tempo necessario per preparare il ripieno.
  • Tritate capperi ed olive ed amalgamate il tutto al pangrattato impastando con un cucchiaio abbondante d'olio, pepe e poco sale. Sbollentate e spellate i pomodori, schiacciateli coi rabbi di una forchetta ed uniteli al pangrattato.
  • Distribuite questo composto sulle fette di pesce spada ed arrotolatele chiudendole con uno stuzzicadenti. A questo punto oliate una pirofila di quelle adatte a passare dal forno alla tavola, affettate sottilmente la cipolla e sistematela nella pirofila creando un letto su cui verserete ancora un po' d'olio, sistemateci sopra gli involtini, bagnate con il vino bianco ed infornate a 200°C.
  • Dopo 10 minuti di cottura, aggiungete la salsa di pomodoro, altro olio, sale e pepe e infornate per altri 8-10 minuti.Sfornate e servite gli involtini caldi.
  • Nota: Quando l'ho preparata per provarla ho rispettato le dosi alla lettera. Ritengo però che 150 grammi di passata di pomodoro siano eccessivi: la passata in questa quantità uniforma i sapori. Poi l'ho rifatta ho messo solo 4-5 cucchiai di passata ed il piatto ha funzionato decisamente meglio.
  • Più equilibrato! Ho fatto una terza prova: quella di ieri sera. Ed ho apportato ancora una variante. Ho preparato, infatti la tradizionale cipollata: fette di cipolla appassite prima nella loro stessa acqua di vegetazione e poi in olio d'oliva. Poi ho aggiunto il pomodoro e l'ho fatto restringere e da ultimo ho aggiunto per insaporire ancora delle foglie di basilico. Poi, ho tirato via il basilico appassito col calore, ed ho frullato il tutto con il mixer ad immersione.
  • Con questo intingolo ho preparato il letto su cui ho adagiato gli involtini prima di passarli in forno. Risultato? Ancora meglio delle prime due preparazioni. Non ho usato il vino bianco.