Pandolce Genovese

silvia

di Silvia Salomoni.

O è Natale tutto l’anno, o non è Natale mai… Questo noto buon proposito trova assai di rado concreta applicazione nel nostro “essere più buoni” ogni giorno dell’anno, ma certamente vale per il Pandolce genovese! Il Pandolce, infatti, è il tipico dolce natalizio di Genova, tradizionalmente propiziatorio di salute, fortuna e soldi per l’anno nuovo se messo in tavola per le feste; ma ormai viene preparato e commercializzato tutto l’anno, in tutte le province della Liguria. Assomiglia al panettone di Milano, ma ha la pasta più compatta ed è molto più ricco di canditi e frutta secca. Inoltre è aromatizzato con semi di anice, acqua di fior d’arancio e marsala. Pare che sia stato il doge Andrea Doria a bandire nel ‘500 un concorso tra i mastri pasticceri genovesi, per creare un dolce che rappresentasse la ricchezza della sua Repubblica Marinara. Un dolce che ne incarnasse però anche l’anima marittima: nutriente quindi, ma di lunga conservazione, in grado di resistere in cambusa durante lunghi viaggi per mare. In effetti il Pandolce ha proprio queste caratteristiche, si mantiene fresco fino a un mese, poi si secca e può essere conservato a lungo, per resuscitarlo con un semplice passaggio in forno.

Esiste inoltre in due versioni: una ben lievitata detta “alta”, l’altra “bassa” e compatta. Nella tradizione genovese, il Pandolce veniva portato in tavola con un rametto di alloro o di olivo conficcato sulla sommità come segno di devozione dal più giovane commensale, mentre spettava al più anziano il compito di tagliare la prima fetta e di metterla da parte per il primo povero che si fosse presentato alla porta. La seconda fetta poi, veniva conservata fino al giorno di San Biagio (il 3 febbraio), come rituale per proteggersi dai mali invernali. Nella tradizione cristiana San Biagio è sì il protettore dei raccolti, ma anche della gola (lungo la via del martirio salvò un bambino che stava soffocando a causa di una lisca di pesce), quindi viene spesso invocato per proteggersi dalle malattie invernali.

Se volete cimentarvi nel Pandolce, ecco la ricetta di Martino:

Ingredienti per 10 persone
2 kg di farina
150 g di lievito
150 g di zucchero a velo
300 g di burro
un bicchierino di marsala
un cucchiaio di acqua di fior d’arancio
50 g di uva passa
30 g di pistacchi
40 g di pinoli
10 g di anici

Preparazione
Formate un mucchio con la farina sulla madia, formatevi un buco al centro e versateci un bicchiere d’acqua con disciolto il lievito. Impastate la parte liquida con la farina fino a ottenere una pasta assai dura, cospargetela di farina e ponete su di essa un foglio di carta e sopra di questo un panno. Lasciate riposare per circa otto ore. Scoprite la pasta così ottenuta e impastatela con la farina aggiungendo un po’ di acqua tiepida, unite 150 g di zucchero in polvere, tre etti di burro liquefatto, un bicchierino di marsala e un cucchiaio di acqua di fior d’arancio, mescolate e impastate bene il tutto. Aggiungete quindi l’uva passa, i pistacchi, i pinoli e gli anici continuando a impastare fino ad ottenere una pasta soffice e uniforme. Formate un pane, fasciatelo con una salvietta affinché la pasta non si schiacci troppo e lasciate lievitare per altre 12 ore in ambiente caldo. Una volta lievitato fate cuocere in forno.

Foto di Umberto Bartolini

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *