Olio di Palma nocivo

Olio di Palma: ultimi pareri medici e i nuovi parametri ambientali

Ilaria De Lillo

Mentre la lista di prodotti senza olio di palma s’infittisce, la lunga disputatio sul grasso vegetale va avanti. L’Istituto superiore della sanità, il Ministero della Salute e l’RSPO (Roundtable on Sustainable Palm Oil) hanno fatto passi avanti e approfondito il suo impatto su salute e ambiente per capire se e quanto l’olio di palma sia nocivo.
Ecco le ultime novità.

 

Olio di Palma: è nocivo per salute e ambiente?

I danni alla salute: il parere dell’Istituto Superiore di Sanità

Olio di palma alimenti

A un anno dallo scoppio dello scaldalo su quest’olio vegetale, la posizione di consumatori e aziende è ancora in evoluzione con cambi di marcia frequenti. L’ultima è Plasmon, che ha deciso di garantire i biscotti per bambini senza olio di palma, sostituendolo con olio di girasole e olio d’oliva. E ora entrano nel vivo della questione per approfondire il vero impatto dell’olio di palma sulla salute l’Istituto Superiore della Sanità e il Ministero della salute: davvero la sua assunzione ci fa correre rischi più alti di infarto o ictus ischemico?

La risposta dei due massimi enti in materia è simile a quella che circa un anno fa ci è stata data da un nutrizionista da noi intervistato sull’argomento: “Né più né meno di quanto non lo facciano gli altri grassi saturi: burro compreso”. Al di là di nutrizionisti e dietologi che sull’argomento si sono espressi con cautela, attenuando gli allarmismi ma sottolineando che un eccessivo consumo dell’olio di palma avrebbe portato a danni cardiovascolari, adesso la posizione univoca di ISS e Ministero placa gli animi dei consumatori.

Latte e formaggi

 

L’olio di palma è composto per il 50% di acidi grassi saturi che aumentano i livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue e quindi il rischio per le malattie cardiovascolari. Tuttavia, è da temere non solo l’apporto di acidi grassi saturi nell’olio di palma, ma anche in quegli alimenti come il latte, i formaggi, le uova e la carne che ne contengono naturalmente. La difficoltà per l’olio di palma sta nel misurarne il quantitativo assunto in una dieta, che per latte e co. è ottenibile dalla banca dati degli alimenti del Cra-Nut.

I danni all’ambiente: nuovi parametri per la lotta alla deforestazione

Olio di palma deforestazione

Avevamo già parlato della lotta dell’RSPO per i danni all’ambiente procurati dalla deforestazione per accedere a coltivazioni di olio di palma. Ora i parametri s’irrigidiscono: gli aderenti all’associazione dovranno ottenere l’RSPO NEXT, la nuova certificazione di sostenibilità che definisce criteri più stringenti per la lotta alla deforestazione e all’emissione di gas serra, e per la tutela delle comunità locali nei Paesi produttori dell’olio di palma. La certificazione può essere utilizzata dai produttori che hanno già almeno il 60% delle piantagioni in conformità con la certificazione ordinaria e si impegnano ad implementare le policy sulla totalità della produzione.

Questa mossa è un ulteriore passo per raggiungere l’obiettivo delle aziende aderenti all’RSPO, arrivare a garantire la produzione del 100% di olio di palma certificato sostenibile.

 

Ilaria De Lillo

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina. Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”. Per lei in cucina non possono mancare gli ospiti, “altrimenti per chi cucino?”

One response to “Olio di Palma: ultimi pareri medici e i nuovi parametri ambientali”

  1. sonia says:

    su l’olio di palma non farebbe male non più di altri grassi se consumati con moderazione ma il guaio dell’olio di palma è dappertutto nelle merendine nei biscotti nei dadi da brodo fette biscottate minestre e quantaltro che a fine giornata hai ingerito molti acidi grassi saturi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi