masterchef italia 8 decima puntata

MasterChef Italia 8: chi è stato eliminato nella decima puntata?

Licia Giglio
2

Indice

     

     

    Ieri sera nella decima puntata di MasterChef Italia 8 abbiamo detto addio ad altri due concorrenti, Giuseppe e Loretta, due persone assolutamente agli antipodi sia caratterialmente che in cucina. Il primo, carico come una molla, sempre pronto a collaborare, la seconda mediamente brava, è stata capace di regalarci bei momenti (e bei piatti) ma l’abbiamo vista affievolirsi a causa della stanchezza e forse anche della scarsa motivazione.

    Comunque, anche se Giuseppe è stato eliminato, dobbiamo ammettere che il suo “Minestrone per Matteo” con taccole e cavolfiore giallo con cui ha vinto la Mistery Box ci aveva fatto sognare.

    Ma se la fine del sogno di Giuseppe ci ha rattristato, possiamo comunque dire che fra la vista di Chef Locatelli che prepara il minestrone in studio e la presenza di Marco Pierre White come giudice dell’Inventione test, ci siamo goduti la puntata fino all’ultimo piatto.

    MasterChef Italia 8: le prove della decima puntata

    Il tema della Mistery Box è stato il minestrone: un piatto semplice ma potenzialmente pieno di insidie. A dare spunti su come poterlo rendere un buon piatto, Chef Locatelli che, indossata la divisa da cuoco, ha preparato un delizioso minestrone scomposto, cuocendo le varie verdure a diverse temperature.

    I tre concorrenti che hanno realizzato il miglior piatto sono stati Valeria, Gilberto e Giuseppe, che vince la prova e acquisisce il vantaggio sulla prova successiva.

    L’Invention Test ha visto gli aspiranti chef impegnati nella realizzazione di Filetto mignon di vitello con crema di prezzemolo e salsa al madeira di Marco Pierre White, chef di fama mondiale che è stato chiamato a giudicare i piatti dei concorrenti.

    Il vantaggio di Giuseppe era quello di conoscere i segreti della preparazione di quel piatto complesso. Purtroppo, non li ha sfruttati pienamente e si è visto sfuggire la prova, che alla fine è stata vinta da un sorprendente Alessandro.

    Per un concorrente che emerge, ce n’è uno che affonda e il Filetto di Pierre White purtroppo è stato fatale per Loretta, che ha dovuto abbandonare la cucina di MasterChef lasciando i 6 compagni al loro destino.

    masterchef italia

    La terza prova non è stata svolta in esterna, ma in una parte diversa dello studio, il “Ristorante di MasterChef”. Le 6 coppie, formate da Alessandro, hanno dovuto preparare una pietanza a scelta per 15 fra i più famosi critici gastronomici italiani.

    La coppia Guido/Giuseppe decide di proporre una Sella di capriolo con riduzione di frutti rossi e fungo porcino mentre Gilberto e Gloria hanno proposto un’Anatra con carota affumicata e schiacciata di patate. I due piatti in sé erano abbastanza classici forse è per questo che il piatto dell’ultima coppia, quella formata da Alessandro e Valeria, sembrava una vera e propria ventata d’aria fresca. I due hanno presentato dei Tortelli di ricotta e arancia candita su brodo speziato ai frutti rossi. Un’idea che ha stuzzicato i giudici e ha permesso ai due concorrenti di salire in balconata e salvarsi.

    Le altre due coppie sono finite dritte al Pressure Test. La prima prova è stata una prova sulla comunicazione: consisteva nel preparare un piatto identico al quello del proprio compagno di squadra, ma senza vedersi. I concorrenti potevano parlare attraverso una dispensa e potevano descrivere le preparazioni ma non potevano guardare l’altro né la sua postazione. Alla fine, Giuseppe e Guido hanno preparato un piatto a base di Angiulla e polenta veramente molto simile mentre Gloria  Gilberto si sono cimentati nella preparazione delle ali di razza. Benché molto diversi, i loro piatti avevano un gusto simile, caratteristiche che gli ha permesso di vincere la prova e  e salire in balconata.

    Guido e Giuseppe si sono sfidati fino all’ultimo, in una prova che li ha messi in difficoltà già dalla spesa. I due concorrenti avevano un bancone pieno di ingredienti e in 10 mosse dovevano scegliere ingredienti a turno. I due potevano scegliere di tenere ingredienti inseriti dal compagno o toglierli. Alla fine, Guido riesce a girare la cosa a suo vantaggio e compone una spesa interessante con filetto di manzo, cavolo nero e lime. Guido vince la prova non tanto per la superiorità del piatto quanto per gli errori grossolani di Giuseppe che ha qualche dimenticanza. Alla fine, comunque, Guido sale in balconata e si guadagna un posto nella rosa dei top 5.

    MasterChef Italia 8: le pagelle della decima puntata

    minestrone valeria

    Alessandro – Si è guadagnato i complimenti di Pierre White, realizzando un Filetto Mignon degno di nota, che sinceramente ha sorpreso anche noi. Gli diamo un 8, anche per come ha gestito la prova in squadra con Valeria.

    Gloria – Nell’ultima puntata è stata sul pezzo e ha gestito bene un po’ tutte le prove. Comunque non è riuscita ad alzare l’asticella, anche perché continua a proporre piatti che conosce già fin troppo bene anziché sperimentare e lasciarsi andare. Le diamo comunque un 6 ½ .

    Gilberto – Della scorsa puntata ci ricordiamo solo una cosa: il mega rimprovero di Bastianich nel vederlo ridere di un suo compagno. Gilberto magari è bravo, magari farà anche strada, ma senza umiltà non sarà mai un grande chef. Voto 5.

    Guido – Ha a prepotenza di voler guidare a qualsiasi costo ma non ha l’audacia di proporre piatti nuovi. Nell’ultima puntata abbiamo visto tanta arroganza e molta banalità nei piatti. Merita davvero di continuare? Voto 4 ½.

    Valeria – Pierre White ha detto di lei “Cucina col cuore”. Ma noi lo sapevamo già: Valeria è capace di lavorare per obiettivi schivando le polemiche e i problemi con una classe che nessun altro ha avuto, almeno in questa edizione. La vogliamo in finale! Voto 8.

     

    Avete visto anche voi l’ultima puntata di ieri sera? Chi vorreste vedere fra i finalisti di MasterChef?

    Foto: masterchef.sky.it

    Licia Giglio

    Dopo la Laurea e una breve esperienza in una web agency di Bologna inizia ad avere piccole collaborazioni svolgendo il lavoro di Copy e Community Manager. Decide in pochi mesi di aprire una Partita iva e diventare freelance, perché è fermamente convinta che sia la modalità di lavoro che faccia al caso suo. Attualmente lavora come Copy, Community Manager e digital PR per diverse agenzie divise fra Bologna e Modena e collabora con alcune piccole imprese locali. Ha costruito la sua esperienza nei settori food, moda, lifestyle, automotive, PA, arredamento e settore assicurativo.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *