lockdown questionario genitori

Lontani da scuola durante il lockdown: partecipa al sondaggio e scarica l’e-book di ricette per una merenda sana e golosa!

Redazione
2

Le scuole non riapriranno prima di settembre e per le famiglie italiane prosegue un periodo di grande difficoltà tra il lavoro, la casa e la cura dei figli. Un cambiamento che pesa soprattutto sulle spalle delle madri: secondo Save the Children, infatti, per il 72% di esse è aumentato il carico di lavoro domestico e in moltissimi casi si trovano a doversi occupare di diverse attività su cui, prima, interveniva la scuola. È il caso della formazione in senso tradizionale, ma anche dell’educazione alimentare di cui, come abbiamo visto più volte intervistando professionisti del settore per la campagna “Crescere a tavola”, il  momento del pasto a scuola rappresenta un’importante occasione.

In questa “fase 3” che ci vede tutti impegnati a vario titolo nella costruzione di una nuova normalità di convivenza con il Coronavirus, abbiamo scelto di aprire uno spazio di riflessione e confronto dal titolo “Nutriamo la scuola”: una sezione in cui troverete interviste, spunti e approfondimenti dedicati alle mamme e ai papà di bambini in età scolare. Vogliamo inaugurarla proprio partendo da voi e dalla vostra voce, per questo abbiamo messo appunto un sondaggio a cui vi chiediamo di partecipare, per poter raccontare in che modo la vostra famiglia ha vissuto il lockdown e come sono cambiate anche le abitudini alimentari. 

Dopo aver risposto a tutte le domande, potrete scaricare gratuitamente il nostro e-book di ricette, per una merenda a prova di nutrizionista!

 

1. In genere, quando fai la spesa per la tua famiglia, nel carrello metti:
solo prodotti freschisia prodotti freschi che a lunga conservazione (come ad es. surgelati)sia prodotti freschi che a lunga conservazione, ma non mancano mai i cibi precotti

2. Durante il periodo di lockdown, le abitudini alimentari della tua famiglia:
sono rimaste invariatesono migliorate: abbiamo avuto più tempo per la scelta degli ingredienti e la preparazione dei pastisono peggiorate: il tempo era poco e non sempre era facile reperire prodotti freschi

3. Nella tua famiglia, di solito, chi cucina?
Io, cioè la mammaIo, cioè il papàIl mio partnerEntrambi cuciniamo per la famiglia

4. Quanto tempo dedichi alla cucina?
molto: la cucina è la mia passione e ho tutto il tempo per dedicarmi ad essalo stretto necessario: quando gli impegni e il lavoro me lo consentonopochissimo: lavoro e famiglia mi tengono molto impegnata/o, sono costretta/o a scaldare cibi precotti e a cucinare pasti veloci

5. Durante il lockdown, hai dedicato molto tempo alla cucina?
Sì, sono finalmente riuscita/o a prendermi il giusto tempo per cucinare per la famigliaPoco. Il lavoro in smart working e i compiti dei figli occupavano la maggior parte della giornataPer nulla. Il tempo occupato dal lavoro, dalla cura della casa e della famiglia mi hanno costretta/o a ricorrere spesso a prodotti precotti e a cucinare piatti veloci

6. Durante il lockdown, cucinare per la famiglia:
è stato un piacereè stata un’esigenza, non sempre facile da rispettare. Quando i bambini mangiavano in mensa era tutto più comodoè sempre un piacere, ma non sempre ho il tempo di farlo.

7. Mangiare tutti insieme, alla stessa ora, nella tua famiglia è:
un’abitudine irrinunciabile: sedersi a tavola significa condividere i pasti ma anche le esperienze della giornatauna buona abitudine, ma non sempre riusciamo a rispettarla: i bambini hanno esigenze spesso diverse dalle mie/nostreimpossibile. Finisco/finiamo di lavorare molto tardi, e preferisco/preferiamo far mangiare prima il bambino/i bambini.

8. Durante il lockdown, la condivisione dei pasti in famiglia:
è stata più frequente e piacevole: eravamo tutti a casa ed avevamo finalmente gli stessi ritmi e orarinon sempre era facile: lavoro, lezioni online, compiti per casa a volte complicavano le coseimpossibile. Scuola online e lavoro “smart” hanno reso più difficile l’organizzazione dei pasti.

9. Tuo figlio di solito:
mangia tutto e ama provare nuovi sapori e nuove pietanzeassaggia piatti nuovi solo se invogliato e se le pietanze sono presentate in modo invitantepurtroppo mangia solo quello che gli piace

10. In quest’ultimo periodo, i tuoi figli…
ti chiedono di cucinare piatti fatti in casati chiedono di ordinare cibo a domicilio

11. Mangiare con altri bambini per tuo figlio è:
molto importante: a casa spesso non vuole mangiare quello che preparate, mentre in compagnia degli amichetti e delle maestre si diverte e mangia di tuttoabbastanza importante: in compagnia fa meno capricci ed è più propenso ad assaggiare piatti che non conosceindifferente: mangia e assaggia nuovi piatti sempre volentieri, anche a casa

12. Cucinare ogni giorno un pasto completo è…
difficile, ma importantenon sempre è possibileImpossibile

13. Con la riapertura delle scuole e delle mense, le abitudini di tuo figlio:
peggioreranno: la cucina casalinga non conosce paragoniresteranno invariate: mangia bene sia a casa che a scuolamiglioreranno: la cucina sana richiede tempo, e non sempre i genitori ne hanno a sufficienza. La mensa scolastica è un grande supporto per le famiglie




Grazie per avere risposto al sondaggio, adesso non ti resta che compilare i campi sottostanti! In pochi secondi riceverai il nostro ebook sulla tua casella di posta. Inoltre, potrai scegliere di iscriverti alla nostra newsletter settimanale: il modo più facile per essere aggiornato sulle notizie e i temi alimentari più importanti.

Ho preso visione e accetto l’informativa sulla privacy per scaricare l'e-book di ricette per una merenda a prova di nutrizionista.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Avatar

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Comments are closed.