Dolci e Dessert

Il Torrone di Benevento, la Cassata Siciliana, lo Zabajon Veneto, l’Aranzada e Arantzata sardi sono tutte preparazioni che, insieme ad altri dolci e dessert della tradizione italiana, meritano una menzione speciale. Per questo abbiamo deciso di raccontarli in una rubrica, dedicata alla pasticceria d’eccellenza, nostrana ed estera. Insieme alle zuccherate ricette del Bel Paese troverete infatti interessanti articoli di approfondimento sulla crema catalana, la Baklava, e su altre preparazioni tipiche della gastronomia estera. Torte, biscotti, gelati, dolci al cucchiaio che con i loro ingredienti e il loro sapore raccontano la cultura dei luoghi. Ne scoprirete le origini, le modalità di preparazione, gli aneddoti e le curiosità.
cassata-siciliana

Cassata Siciliana

di Martino Ragusa. La cassata catanese non differisce da quella palermitana se non per il particolare di una glassa di copertura talmente sottile da essere trasparente, tanto che è possibile vedere gli strati di pandispagna che ricopre. I giudizi dei suoi estimatori concordano: la migliore è quella della pasticceria Savia di fronte ai Giardini Bellini.

Torrone Di Benevento

di Martino Ragusa. Dal latino torreo (abbrustolire), con riferimento alla tostatura delle nocciole e delle mandorle, il torrone era già conosciuto e consumato dalle classi agiate, come da quelle più povere, al tempo dei Romani, come dimostrano alcuni scritti di Tito Livio. Nel XVII secolo la fama di questo prelibatezza si diffuse ulteriormente grazie alla

Gubana

di Martino Ragusa. Dallo sloveno guba (letteralmente piega, per via della forma a torciglione di questo dolce), la gubana rappresenta, dal punto di vista culinario, un ponte ideale tra le due tradizioni gastronomiche, quella slovena e quella italiana, o più precisamente friulana. L’origine della gubana è strettamente legata alla vita delle popolazioni che da secoli

cantucci

Cantucci

di Martino Ragusa. I cantucci o biscottini di Prato hanno storia assai remota: si pensa che la ricetta risalga al glorioso tempo dei Medici, che a loro volta l’avrebbero recepita dai pasticceri al seguito di Isabella d’Este, di passaggio per Roma. Croccanti e dorati, devono queste caratteristiche ad un impasto a base di farina, uova,

Biscotìn De Prost

di Martino Ragusa. I Biscotti di Prosto sono fatti con tre soli ingredienti e riescono a richiamare a Prosto di Piuro, un paesino vicino a Chiavenna, schiere di raffinati intenditori. Semplici e inimitabili, tanto che le sole produttrici sono le sorelle Simonetta e Monica Del Curto. Con “sole produttrici” non solo intendo dire che sono