accordo commerciale con il canada

Accordo commerciale con il Canada: prezzi più bassi, ma meno diritti

Giuliano Gallini

Giuliano Gallini

Il 5 luglio scorso Slow food, Coldiretti, Cgil, Arci, Acli terra, Legambiente e altre organizzazioni hanno detto no, durante un presidio in piazza Montecitorio, alla ratifica dell’accordo commerciale con il Canada, il CETA.

I motivi sono in parte simili a quelli che hanno portato alla formazione di un grande movimento europeo contro il TTIP, l’accordo con gli Stati Uniti d’America. Un movimento che ha vinto, per ora la sua lotta.
Su Il Giornale del Cibo abbiamo affrontato molte volte il tema, prima raccontandovi cosa prevede il trattato tra UE e Canada, poi dandovi la notizia del Ceta approvato tra le critiche.

Che opinione mi sono fatto io? Per raccontarvela voglio partire da un romanzo.

Una visione sociale del Ceta

ceta

In uno dei suoi più importanti romanzi, Bartebly lo scrivano, Herman Melville crea un personaggio che pare appartenere al mondo dell’assurdo: il copista dell’ufficio di un avvocato di Wall Street esegue bene i propri compiti ma si rifiuta, gentilmente ma con fermezza, di eseguirne altri che gli vengono richiesti senza preavviso.

“Preferirei di no” , oppone alle richieste del suo principale. Non dà altre spiegazioni, si limita a un continuo, quieto ma assordante, “preferirei di no”.

E’ un personaggio, e un romanzo, che ha visto infinite interpretazioni. Una di queste è sociale: Bartebly è un ribelle che non ritiene debba aggiungersi nient’altro al suo “preferirei di no”, tanto evidente è il motivo che sostiene il suo rifiuto. Motivo che solo chi gestisce il potere con arroganza o con estrema, narcisistica convinzione di essere nel giusto, non vede.

Accordo commerciale con il Canada? “Preferirei di no”

Ci sono tanti motivi per essere contrari all’accordo commerciale con il Canada, gli stessi per cui io sono stato contrario al TTIP. Tra questi quello più evidente è che so bene che prezzi più bassi (uno dei vantaggi del trattato, secondo i suoi sostenitori) spesso ineluttabilmente si accompagnano a meno diritti sul lavoro, meno diritti alla salute, meno diritti all’informazione. Abbiamo bisogno di un trattato del genere?

Oggi, se qualcuno mi chiede. “Vuoi il CETA?” Io rispondo: “preferirei di no”.

E voi? Che cosa ne pensate? In attesa di scoprire come si concluderà la ratifica nei singoli Stati, vogliamo coinvolgervi in un sondaggio, per cui vi chiediamo:

siete favorevoli all’accordo commerciale tra Unione Europea e Canada (CETA)?

Loading ... Loading ...

Aspettiamo le vostre risposte!

 

 

Giuliano Gallini

Direttore marketing strategico di CIR food, vive a Padova e lavora tra Reggio Emilia e molte altre città italiane dove CIR ha le sue cucine. Ama leggere e crede profondamente nel valore della cultura. In cucina non può mancare un buon bicchiere di vino per tirarsi su quando sì sbaglia (cosa che, afferma, a lui succede spesso).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi